Translate

mercoledì 4 dicembre 2013

Commissione vaticana su Medjugorje -La decisione finale è attesa nel 2014

Con una decisione definitiva prevista per il prossimo anno, la Commissione vaticana su Medjugorje avranno il loro prossimo incontro in due settimane, uno dei principali giornali italiani. Il Messaggero conferma perdite precedenti che dicono non c'è né prova per riconoscere, né per condannare le apparizioni.
Il Palazzo del Sant'Uffizio, il Palazzo del Sant'Uffizio, l'edificio che ospita la Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede cui la Commissione Medjugorje si riunisce per le sue sessioni.
Il Palazzo del Sant'Uffizio, l'edificio che ospita la Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede cui la Commissione Medjugorje si riunisce per le sue sessioni.
Indagine su Medjugorje sarà formalmente continuerà a fine mese quando la Commissione vaticana si riunirà per la prossima sessione, il quotidiano italiano Il Messaggero riporta nella sua edizione cartacea il Venerdì, secondo il bollettino di  , una rete di 34 anni di sacerdoti italiani.
"La prossima riunione (...) è stata fissata in due settimane. La decisione finale è attesa nel 2014 "Bene Settimana cita Il Messaggero.
Le informazioni ottenute con la carta italiana sono in linea con le perdite precedenti che indicano che la Commissione non esclude positivamente né negativamente sulla veridicità delle apparizioni, ma mantenere la posizione attuale della Chiesa e lasciare la questione aperta, indeciso:
Il cardinale Camillo Ruini a capo della Commissione di Medjugorje
Il cardinale Camillo Ruini a capo della Commissione di Medjugorje
"Dalle indiscrezioni sembra che non ci sono prove per suggerire le apparizioni sono false, ma anche nessuna prova per confermare loro. Probabilmente la Chiesa ufficialmente non riconosce immediatamente perché non si può fare che se i fenomeni soprannaturali sono ancora in corso "Il Messaggero scrive.
Il quotidiano più letto a Roma conferma la Commissione vaticana per aver studiato presunti miracoli e "molti" casi di guarigione, da parte delle reazioni politiche alle apparizioni la prima volta che ha avuto inizio nel 1981:
"Tra i documenti sono anche una serie di documenti dei servizi segreti bosniaci ,dimostrando il tentativo del regime comunista per screditare i sei veggenti, e mentire sulla loro condotta e quella dei frati francescani legata alla parrocchia di Medjugorje ", riferisce Il Messaggero .

Nessun commento:

Posta un commento