Translate

domenica 5 gennaio 2014

Il suo piano di evangelizzazione, non può realizzarsi senza di noi:


La Regina della pace ci invita ad aprire i cuori al suo piano di evangelizzazione, che non può realizzare senza di noi:
- Lei ci ha scelto secondo la volontà di Dio
- Ci infonde la fortezza di Dio
- Cerca di rendere i nostri cuori simili al suo
con amore e con pazienza.
- Ci insegna con l'esempio, la sapienza, l'umiltà e l'amore.
- Ci dona a suo Figlio, che ci donerà la pace
- Così noi potremo portare Gesù a quelli che incontriamo.
- Lo doneremo testimoniando l'amore di Dio con la vita.
- Per guidarci la Madonna ha bisogno che lasciamo il peccato,
che preghiamo e che digiuniamo.
- Non dobbiamo aver paura perché Lei ci ama immensamente.
- Non condanniamo i pastori, perchè solo Gesù, che li ha scelti,
ha il diritto di giudicare.


“Cari figli, oggi, come non mai prima, v’invito a vivere i miei messaggi e a metterli in pratica nella vostra vita. Io sono venuta a voi per aiutarvi, e perciò v’invito a cambiare vita, perché avete preso un misero cammino: la via della rovina. Quando vi ho detto: “Convertitevi, pregate, digiunate, riconciliatevi”, avete preso questi messaggi alla leggera. Avete iniziato a viverli, ma per poi lasciarli, perché… erano difficili. No, cari figli! Quando qualcosa è buono, occorre perseverare e non pensare: “Dio non mi vede, non mi ascolta, non mi aiuta”. Così, vi siete allontanati da Dio per il vostro misero interesse. Io desideravo fare di voi un’oasi di pace, d’amore e di bontà. Dio desiderava che voi, con il vostro amore e con il suo aiuto, faceste miracoli e deste l’esempio; perciò, ecco che cosa vi dico: satana si prende gioco di voi e delle vostre anime, e io non posso aiutarvi, perché siete lontani dal mio Cuore. Perciò, pregate e vivete i miei messaggi e così vedrete i miracoli dell’amore di Dio nella vostra vita quotidiana. Grazie per aver risposto alla mia chiamata” (25 marzo 1992).

 “Miei cari figli, sono venuta da voi per condurvi alla purezza dell’anima e dunque verso Dio. Come mi avete accolto? All’inizio senza credere, con paura e sfiducia verso i ragazzi che ho scelto. Poi una maggioranza mi ha accolto nel suo cuore e ha cominciato a mettere in pratica le mie richieste materne. Ma purtroppo questo non è durato a lungo. In qualunque luogo io vada, ed è con me pure mio Figlio, là mi raggiunge anche satana. Voi avete permesso, senza accorgervene, che prendesse il sopravvento in voi, che vi dominasse.
Alcune volte capite che qualche vostro gesto non è permesso da Dio, ma rapidamente soffocate questo sentimento. Non cedete, figli miei! Asciugate dal mio volto le lacrime che verso osservando quello che fate. […] Trovate il tempo per riunirvi in famiglia a supplicare la grazia da Dio. Ricordatevi dei vostri morti, date loro gioia con la celebrazione della Messa. Non guardate con disprezzo il povero […]. Aiutatelo. E anche Dio aiuterà voi. […] Non ingannatevi pensando: “Io sono buono, ma il mio fratello che mi sta accanto non vale nulla”, non sareste nel giusto. […] Ritornate alla preghiera! Nulla è più importante di essa. […] Quando avete rinunciato, l’ultima volta, a qualche cosa per il Signore? Non voglio rimproverarvi ulteriormente; voglio invece invitarvi ancora una volta alla preghiera, al digiuno, alla penitenza. Se col digiuno desiderate ottenere grazia presso Dio, che nessuno sappia che digiunate. Se, con un dono al povero, desiderate ottenere grazia presso Dio, che nessuno lo sappia all’infuori di voi e del Signore 
Fonte:http://www.medjugorjetiaspetta.com/web/messaggi/

Nessun commento:

Posta un commento