Translate

lunedì 27 gennaio 2014

Rubata un’ampolla con il sangue di Giovanni Paolo II in Abruzzo


L’Aquila - E’ stata rubata un’ampolla con il sangue di Giovanni Paolo II, custodita in un santuario abruzzese.
La reliquia è stata portata via assieme a una croce la notte scorsa ma il furto è stato scoperto stamattina nella chiesa alle falde del Gran Sasso di San Pietro della Ienca (L’Aquila).
Si tratta, secondo quanto riferito dal presidente dell’associazione culturale “San Pietro della Ienca”, Pasquale Corriere, di una delle poche reliquie con il sangue del pontefice polacco conservate al mondo.
Sul fatto indagano i carabinieri dell’Aquila, coordinati dal comandante provinciale Guarino Savino, che hanno svolto un approfondito sopralluogo. Le indagini sono in corso e la procura della Repubblica ha aperto un fascicolo. Nella chiesetta di San Pietro che ne ospitava le reliquie, Giovanni Paolo II si era recato molte volte, in occasione di diverse escursioni sul Gran Sasso. Nel 2011, in suo onore, l’edificio era stato eretto a Santuario, dedicato proprio al Papa polacco.

Nessun commento:

Posta un commento