Translate

sabato 1 febbraio 2014

Vecchie interviste fatte ai veggenti ....da leggere!!!

COSA DICONO I RAGAZZI
INCONTRO CON JACOV KOLO
IVANKA IVANKOVIC E MARIJA PAVLOVIC
Dr. Luigi Frigerio
D. — Domanda
I. — Ivanka
J. — Jakov
M. — Marija
T. — P. Tomislav



D. — Vi abbiamo visto nella chiesa sorridenti, cos'è per voi la gioia cristiana?
I. — Tutti sarebbero felici se fossero al nostro posto.
J. — Perché non dovrei essere felice quando ho una esperienza di questo genere?
D. — Se domani la Madonna non vi apparisse più, vi spiacerebbe? Che cosa fareste?
J. — Sarei triste.
I. — Anch'io sarei triste, però penso che la Madonna ci darebbe una forza per sopportare.
D. — Prima di queste apparizioni come vivevate il Cristianesimo? E dopo cos'è cambiato nella vostra vita e nel rapporto con gli altri?
I. — Prima andavamo in Chiesa per tradizione, per ordine, ma adesso sentiamo un bisogno dentro, aspettiamo il momento della messa e le preghiere.
J. — Lo stesso.
D. — Qualcuno di voi ha visto il Paradiso o è andato in Paradiso? Che cosa vi ha colpito di più?
J. — Io sono stato nel Paradiso.
I. — Io l'ho visto come nel film. Sono stata colpita dalla bellezza e dalla allegria della gente che sta lì.
D. — La Madonna cosa vi diceva quando eravate in Paradiso?
J. — Qui arrivano le persone premiate da Dio per la loro vita.
D. — Quando è successa per Jakov questa esperienza di andare fisicamente in Paradiso?
J. — Non riesco a ricordare precisamente la data, ma è stato vicino alla festa di Tutti i Santi 1981.

D. — Cosa stavi facendo in quel momento?
J. — Ero arrivato da Citluc insieme con Vicka e sono andato nella camera. E' venuta la Madonna e ha detto: "Adesso vi porto in Paradiso". Io ero triste e ho detto: "Porta Vicka, perché loro sono parecchi fratelli, mentre io sono figlio unico". Allora la Madonna disse: "Non preoccuparti perché vi porterò di nuovo qua."
D. — Ti piacerebbe ritornare in Paradiso?
J. — Si, come no!?
D. — Invece, come è l'inferno?
I. — Io non ho visto, Jakov lo ha visto.
D. — Perché Ivanka non ha visto?
I. — Io ho avuto paura e ho pregato la Madonna di non vederlo.
D. — Invece Jakov che cosa ha visto?
J. — Ho visto una grande, grande fiamma e gli uomini dentro.
D. — Che faccia avevano questi uomini?
J. — Nera. Stanno nella fiamma e quando escono dalla fiamma diventano neri, cambiano. Non sono proprio uomini, sono tra uomini e bestie, una combinazione.
D. — E Maria cosa ha detto quando avete visto l'inferno?
J. — "Qui arrivano quelli che non hanno seguito la strada di Dio".
D. — Che cosa potete dirci riguardo al Purgatorio?
J. — Il Purgatorio non si vede; si vede solo come se fossero ceneri. Delle persone si muovono dentro; Vicka ha detto che si sentivano gemiti dentro.
D. — Voi andate a scuola e lavorate. Cosa ha cambiato questo
nella vostra vita?
J. — Prima litigavo con i compagni nella scuola, dopo non più.
D. — Adesso vi sentite perfetti oppure dovete cambiare ancora di più.
J. e I. — Ancora da cambiare, sempre da cambiare!
D. — Cosa volete fare diventando grandi?
I. — Io non so che cosa Dio ci darà.
J. — Quello che il Signore ci darà. Il mio desiderio è quello di andare in convento.
D. — Cosa pensate quando da voi viene la gente malata che chiede la grazia, di guarire?
J. — Noi diciamo che non siamo capaci di guarire le persone. Noi possiamo pregare... la Madonna ci penserà.
I. — Bisogna avere la fede forte, pregare e digiunare.
D. — Avete visto qualcuna di queste persone che è guarita dopo?
I. — Si.
D. — Per esempio?
J. — Una ragazza che è stata paralizzata, diciasette anni, durante un pellegrinaggio ha visto la Madonna e la Madonna l'ha presa per mano. Erano presenti il fratello e la madre di questa ragazza. La Madonna promise di guarirla e quella ragazza adesso si sente molto, molto bene. Non è guarita del tutto, però è capace di camminare 5 o 7 chilometri da sola col bastone.
D. — Potete descrivere il volto di Maria come voi lo vedete?
I. — Impossibile descrivere la bellezza, però ha gli occhi blu, le sopraciglia non grosse, ma sottili, ha i capelli neri e il volto colorito.
D. — E' giovane o vecchia?
I. — Diciannove, venti o ventun anni.
D. — Non vi ha mai mostrato il Signore Gesù?
I. — Si, abbiamo visto Gesù piccolo per questo Natale e lo abbiamo visto all'inizio, quando ci è apparsa la prima volta. Un'altra volta ci aspettava; Maria lo teneva così piccolo, piccolo. Poi un'altra volta abbiamo visto soltanto la testa di Gesù come ferita e piena di sangue.
T. — Io ricordo quella occasione in cui i veggenti erano tristi perché padre Jozo era stato portato nella galera. In quella occasione la Madonna ha mostrato il volto di Gesù e ha detto: "Guardatelo, Lui ha sofferto tanto per noi e anche voi dovete soffrire per la salvezza del mondo".
D. — E' vero che ci sono dei giorni in cui la Madonna vi compare
anche per dieci volte?
I. — Alcune volte questo è capitato all'inizio, ma dopo no. Adesso se c'è un bisogno pressante, se La preghiamo, Essa viene.
T. — Io ho notato diverse volte quando essi hanno pregato per gli ammalati gravi, allora è apparsa.
D. — La Madonna ha detto di dire il Rosario?
J. — Si.
D. — Quando pregate, voi usate il Rosario, una preghiera personale, oppure usate le preghiere abituali dei cristiani?
I. — La Madonna non ha suggerito nessuna preghiera speciale (recitiamo 7 Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre, il Credo, il Rosario e le Preghiere che si pregano nella Chiesa).
D. — All'inizio, quando avete avuto le prime apparizioni, non avete avuto paura che si trattasse di allucinazioni oppure di una malattia della mente? Non vi siete spaventati?
I. — I primi momenti ho avuto paura; non ho pensato mai di aver perso la testa.
J. — Lo stesso.
D. - Com'è stata la prima apparizione? La Madonna era vicina o
lontana?
I. - Era lontana. Quando abbiamo raccontato ai genitori e ai
famigliari, loro sorridevano dicendo: "Qualche pastora raccoglieva le pecore, con la luce voi non avete visto bene".
D. — Anche noi ieri, nel tardo pomeriggio, abbiamo assistito alla trasformazione della croce nera che sta sulla cima del monte, in una tau che variava di colore. Cosa pensate voi dei fenomeni della luce che coinvolgono spesso questa croce? che significato può avere questo?
I. e J. — La Madonna ha detto che questi sono i segni che anticipano il segno grande, visibile, promesso dalla Madonna.
D. — Questo segno sarà una cosa buona oppure creerà dolore?
I. — Sarà un segno di gioia, un buon segno.
D. — Quando verrà questo segno?
I. — Non possiamo dirlo finché la Madonna non lo dice.
D. — Perché la Madonna vi chiede di tenere delle cose segrete mentre altre potete dirle?
I. e J. — E' la sua volontà.
D. — Voi non avete mai visto il diavolo?
I. — No.





Cambiamo casa e andiamo nella abitazione di Marija.

D. — Marija, quando siamo entrati abbiamo visto sulla porta la immagine della grotta di Lourdes e di Bernadette che sta pregando. Esiste una analogia fra quello che è successo a Lourdes e quello che sta succedendo a te in questi due anni?

M. — Non so questo; so che Bernadette e anche noi abbiamo visto la Madonna.
D. — La Madonna non vi ha mai parlato delle sue apparizioni precedenti a Lourdes o a Fatima?
M. — No.
D. — Perché la Madonna vi appare?
M. — La Madonna viene qua per portare i messaggi al mondo di oggi, i messaggi di riconciliazione, di preghiera, di digiuno e di conversione. La cosa più importante adesso nel mondo è la conversione e la pace.
D. — Cosa ha cambiato questo messaggio nella tua vita?
M. — Io penso tutto, dall'inizio. Tutta la mia vita è cambiata in relazione, verso Dio e verso la Madonna.
D. — Ieri ho parlato con il Vescovo di Mostar e mi ha detto che tu sei la testimone più attendibile; se tutti i veggenti fossero come te,
Lui crederebbe con più facilità a quello che vi sta capitando. Secondo te qual è la spiegazione?
M. — Io penso di non essere migliore degli altri. Forse non siamo tutti uguali (Può darsi che il Vescovo abbia una sua esperienza). E' una impressione, perché Vicka è più aperta, parla di più. Io sono sempre stata più tranquilla.
D. — Perché la Madonna vuole mandare dei messaggi agli uomini e al mondo?
M. — Per la conversione. La Madonna disse che il mondo è andato su una strada di perdizione e allora bisogna convertirsi.
D. — Non è sufficiente quello che la Chiesa dice da duemila anni? Il Papa, i Vescovi?
M. — Io penso che sempre la Madonna salvava sempre all'ultimo momento e anche in questo momento. E sempre richiama alla pace con i fratelli.
D. — Se la Madonna volesse farsi ascoltare dal mondo, non farebbe meglio a scegliere delle altre persone? Voi siete delle persone molto semplici, molto povere, molto giovani. Voi non avete nessuna posizione nel mondo. Perché gli uomini dovrebbero credere che la Madonna vi ha parlato?


M. — Io non so il desiderio della Madonna e il suo progetto.
D. — E' difficile fare domande perché tu sei disarmante. Cosa ti piacerebbe fare nella vita? dopo questa esperienza?
M. — Io desiderei andare nel convento. Penso che Dio voglia che io sia nel convento. Penso di potermi meglio consacrare a Dio nel convento.
D. — Ami di più la Madonna o il Signore Gesù?
M. — ...io non so, forse di più Gesù però è uguale. (Trovo difficoltà a fare distinzione).
D. — Se tu potessi inviare un messaggio al Papa, cosa gli diresti adesso?
M. — Prima di tutto voglio salutarLo e poi vorrei dire che continui a lavorare sempre più per la conversione dei giovani, i quali si perdono con la generazione di oggi sulla strada della perdizione.
D. — Perché i giovani oggi vanno sulla strada della perdizione?
M. — Molti giovani provengono dalle famiglie distrutte, non hanno l'appoggio dei genitori, allora si perdono coi problemi di droga, di alcool etc. Non c'è pace, non c'è amore, non c'è accordo. Su questa base i giovani si costruiscono, senza un appoggio nei genitori.
D. — Cosa bisogna fare per ricostruire le famiglie? Esiste un messaggio in proposito?
M. — I messaggi detti dalla Madonna valgono per tutto.
D. — E qual'è il messaggio principale secondo te?
M. — Io penso che è più importante la pace.
D. — E l'altro messaggio principale? quello che viene subito dopo?
M. — La conversione.
D. — La Madonna ha detto qualche cosa che riguarda il Papa?
M. — A me no.
D. — Esiste qualche messaggio che riguarda la chiesa locale?
M. — Si, però ci sono dentro i segreti. Io non posso adesso dire.
D. — Perché tanti segreti?
M. — Io non lo so.
D. — Sono dieci? Per tutti, dieci?
M. — Io ho otto segreti, Vicka otto, Jakov e Ivanka nove. All'inizio la Madonna disse che avrebbe rivelato a tutti dieci segreti.
T. — Può essere una cosa un po' complicata, dato che tutti non ricevono gli stessi segreti. Mirjana ha tutti i dieci segreti per gli altri, per l'umanità, e per questa zona. Ivan ha parecchi segreti che si riferiscono alla sua vita e al suo futuro. Marija non ha nessun segreto sulla sua persona e sul suo futuro.
D. — Come sarà questo segno grande, questo ultimo segno?
M. — Ha detto la Madonna che il segno sarà visibile e verrà per gli infedeli; per i fedeli non c'è bisogno del segno. Io sono l'unica dei veggenti che non conosce la data della sua venuta. Il segno sarà palpabile, concreto. Il segno visibile sarà per la conversione del mondo. Il segno visibile sarà qua, sul luogo dell'apparizione.
D. — Tu lo vedrai questo segno visibile?
M. — Non lo so.
D. — Il segno visibile sarà ovunque e si vedrà ovunque?
M. — No, solo qui, sulla montagna.
D. — Cosa succederà dopo questo segno?
M. — La Madonna ha detto che dopo questo segno si mostrerà ancora qualche volta.
D. — Cosa succederà del mondo?
M. — Si convertirà.
D. — La Madonna ha detto quando il Satana sarà schiacciato?
M. — A me no.
D. — Tu hai visto Satana?
M. — Si, nell'inferno.
D. — Cosa fa?
M. — Alza il fuoco.
D. — Che faccia ha?
M. — Ha una faccia nera. A noi quando si è presentato, si è mostrato come una ragazza. L'abbiamo visto per un attimo, forse un minuto, come lo spezzone di un film. Era nera, con i capelli lunghi, l'aspetto trasandato, sembrava che sfuggisse una pietra che voleva raggiungerla; lei scappava.
D. — Satana fa paura oppure attira a sé?
M. — Sicuramente fa paura.
D. — Perché fa paura?
M. — Non so perché fa paura.
T. — Mirjana ha detto:
"Io ho visto il Satana travestito nella veste della Madonna. Mentre aspettavo la Madonna è venuto il Satana. Aveva un manto e tutto resto come la Madonna, però dentro c'èra la faccia del Satana. Quando il Satana è venuto io mi sentivo come ammazzata. Egli distrugge e diceva: "Sai, ti ha raggirato; devi venire con me, ti farò felice nell'amore, nella scuola e nel lavoro. Quella ti fa soffrire". Allora io ripetevo: "No, no, no, non voglio, non voglio, non voglio". Sono quasi svenuta. Allora è arrivata la Madonna che disse: "Scusami, ma questa è la realtà che tu devi sapere". Appena è arrivata la Madonna mi sono sentita come se fossi resuscitata, con una forza."
D. — Ha una faccia umana Satana?
M. — Si, però spaventosa.
D. — Che colore ha la sua faccia?
M. — Piuttosto nera, che bianca.
D. — Com'è la gloria dei santi in Paradiso?
M. — Difficile da esprimere, secondo la nostra sensazione; sono felicissimi, non abbiamo visto persone infelici, allargano le mani in segno di ringraziamento a Dio e gloria.
D. — Come sono vestiti i Santi in Paradiso?
M. — Avevano un bianco vestito, però non è questo fisico, è piuttosto un vestito spirituale. Tutti uguale.
D. — Si distinguono gli uomini delle donne?
M. — Ivanka ha visto i bambini come angeli e ha riconosciuto sua madre nel Paradiso.
D. — E ha potuto parlarle?
M. — Nessuno di noi ha visto niente perché Ivanka è rimasta ancora dopo la visione, ha avuto ancora la visione (però non ci diceva niente).
T. — Io credo che non abbia potuto parlare perché tutti i veggenti dicono: "Quando la Madonna ci mostra il Paradiso o quando ci mostra un sacerdote o una persona, noi vediamo come in TV". Allora è impossibile scambiare le parole. Quando viene la Madonna è come se fosse una persona fisica.
D. — Quando la Madonna ha raccontato la sua vita come appariva?
M. — La Madonna ha raccontato la sua vita non per intero, ma le cose essenziali a ciascuno personalmente e dopo mostrava delle immagini della sua vita secondo le sue fasi.
D. — Prima della morte di Gesù la vita di Maria è stata dolorosa oppure felice?
M. — Non possiamo parlarne, perché è ancora segreto.
D. — Potrete un giorno raccontare la vita di Maria?
M. — Si, certo!
D. — Hai scritto tutto quanto ti ha detto?
M. — Non posso raccontarle, lo racconterò.
T. — (in tono scherzoso) dacci quel quaderno che hai scritto!
D. — Dove le tiene? In questa stanza o da qualche altra parte?
T. — Suo fratello proprio ora mi ha detto: "Oggi lo nasconde in un tovagliolo, domani in un altro".
Salutiamo Maria, le chiediamo di pregare per una persona gravemente ammalata e la ringraziamo.





IVANKA E VICKA NELLA CASA DI BIJAKOVICI
27 Maggio 1984
Dr. Mario Botta - Dr. Piero Tettamanti

D — Domanda
P — Papà di Ivanka
I — Ivanka
V - Vicka


P. — Sono già dieci anni che non abitiamo più qua (a Medugorje) ma a Mostar, qui veniamo d'estate durante tutto il periodo di chiusura delle scuole.
D. — Ora lei è molto contento di ricevere la gente, ma i primi giorni come ha accettato questo fatto straordinario?
P. — I primi giorni (in cui si verificarono le apparizioni) io non ero qua perché lavoravo in Germania e quando seppi della cosa, avevo una grande paura che fosse mia figlia Jvanka sola ad aver visto la Madonna perché temevo che l'avrebbe aggredita tutto il popolo che accorreva qui in massa, che cioè ella non avrebbe retto una cosa del genere, mentre poi, saputo che erano più ragazzi, allora mi consolai perché il peso dell'avvenimento era un po' come distribuito su tutti.


D. — Quando lei credette all'apparizione?
P. — Subito. Io comunque avevo timore e pensavo che la visione dovesse avvenire per due o tre giorni, io avrei preferito che fosse così breve.
D. — Tutti noi voremmo recitare con voi 10 Ave Maria. (Si prega: loro in croato e noi seguiamo sotto voce in italiano. Si recitano 7 Pater, Ave, Gloria. Come voci "fuori campo" si odono gli animali del pollaio).
D. — Facciamo bene noi ad essere qui e poi quando rientreremo in Italia divulgare questi messaggi? Voi cosa ci consigliate di fare?
I. — Sì, fate bene a divulgare la voce del Signore.
D. — Hai qualche consiglio da darci?
I. — La Madonna ha detto che il meno che si può fare è di recitare sette Padre Nostro, sette Ave Maria, al venerdì digiunare a pane e acqua e poi divulgare quello che avete visto voi, cioè ecco adesso quando andate a casa dite alla gente di pregare, di pregare, di pregare, cioè in sostanza il messaggio che ha dato Lei.
D. — Sì, è un messaggio molto difficile, perché la gente difficilmente crede, è per questo che noi cerchiamo di avere una documentazione per poter dire "questo è quello che abbiamo visto noi, quello che vi possiamo dire".
I. — Un vero cristiano che ci crede, il tempo per pregare lo deve trovare per forza. Lei (la Vergine) ha detto: "per quattro ore".
D. — Come e possibile per noi che abbiamo una vita intensa?
I. — Per la preghiera c'è sempre il tempo, al mattino, a mezzogiorno e alla sera.

D. — Il concetto lo abbiamo capito, ieri lo ha detto anche Padre Tomislav: per le altre cose troviamo sempre il tempo, per cose anche meno importanti troviamo sempre il tempo. Il messaggio è stato quello di abbandonare altre cose, la televisione ecc. e le quattro ore si troverebbero, su questo siamo d'accordo. Voi cosa fate?
I. — Noi andiamo in campagna (a lavorare).
D. — Ecco forse chi va in campagna è più agevolato perché mentre lavora può pregare, alcuni di noi mentre lavorano non possono pregare perché lavorano con la testa.
I. — Se un uomo vuole pregare il tempo lo trova.
D. — Noi vorremmo chiedere a te Ivanka, che sei stata la prima a vedere la Madonna, che rendessi noi partecipi di questa tua commozione quando ti sei resa conto che stavi veramente vedendo la Madonna?
I. — Ho cambiato completamente dentro, ho sentito un cambiamento enorme, sono cambiata ecco.
D. — Vorremmo che tu trasferissi a noi...
I. — Non ci sono parole per dire una cosa del genere. Uno le può solo vivere.
D. — Vorrei chiedere a voi due se conoscete bene o in parte il messaggio che la Madonna ha dato agli uomini a Lourdes e a Fatima,
se desiderate un giorno poter incontrare Lucia di Fatima; o andare sia a Lourdes sia a Fatima, non siete mai andate?
I. — Adesso noi in questo momento non chiediamo niente perché non siamo nella possibilità di chiedere niente alla Madonna. Eventualmente gli altri tre ragazzi (Marija, Jakov e Ivan) potrebbero fare domande alla Madonna sui messaggi di Lourdes e di Fatima, ma loro non sono qui ora. Noi (Vicka e Ivanka) in questo momento non parliamo, solo ascoltiamo.
V. — A me la Madonna sta raccontando tutta la sua vita, e a Ivanka parla del paese di Bosnia Erzegovina, di quello che succederà.
D. — Tu sei in grado di dirmi quello che ti racconta la Madonna della Sua vita?
V. — No, perché viene documentato tutto quanto. Una volta che sarà finita tutta la documentazione, verrà reso pubblico a tutto il mondo, tutto quello che Lei mi ha detto.
D. — I tempi di tutti questi discorsi sono talmente maturi che noi non abbiamo che poco tempo per poter trasmettere questo messaggio; abbiamo un po' di tempo o non ne abbiamo proprio niente?
V. — Sì ancora tanto tempo per pregare.
D. — Ci puoi dire qualcosa del paradiso?
V. — Ci sono dei prati immensi come fosse la terra però non ci sono le case, è tutto così bello, si è senza parole perché è meraviglioso: i prati immensi, grandi.
D. — E oltre i prati cosa vedi?
V. — Niente, vuoto, niente case.
I. — E' un'altra condizione di vita.
D. — E persone, niente?
V. — Sì, sono tutti vestiti di un grigio vestito lungo.
I. — Ho visto mia mamma che è morta tre anni fa d'infarto; era infatti ammalata al cuore. La Madonna me l'ha fatta vedere tre volte.
D. — Hai parlato con tua mamma?
I. — No l'ho solo vista, e mi è bastato, ero molto contenta perché mia mamma era insieme con la Madonna.
D. — La Madonna ti ha insegnato a pregare. Che suggerimento ci puoi dare? Noi abbiamo la corona qui e recitiamo il Rosario, c'è qualcosa oltre la recita del "Veni Creator Spiritus", del "Credo" e dei sette Pater, Ave e Gloria, ogni giorno?
I. — Pregate molto lo Spirito Santo soprattutto.
D. — Se noi fossimo, proprio per ragioni di lavoro impossibilitati a... cioè fossimo di fronte all'alternativa se dire il Rosario o andare a Messa tutti i giorni.
I. — La Madonna dice che va benissimo, se una persona non ha la possibilità di andare in chiesa, se può andare, se trova tempo è meglio, però se la preghiera viene detta anche in casa va benissimo.
D. — Voi considerate le opere di misericordia sia corporali che spirituali come momento di preghiera o queste possono solo essere una integrazione? Cioè, ad esempio: aiutare i malati, consigliare i dubbiosi, visitare i carcerati, voi considerate queste opere come un completamento della preghiera oppure la Madonna intende queste opere come vera preghiera?
I. — La Madonna è contenta anche di queste opere se noi le facciamo; è molto contenta, ma Lei non le pretende.
D. — E' preghiera, è tempo di preghiera l'opera di misericordia?
I. — Sì fa parte anche della preghiera.
D. — Sentite, io ho sempre creduto, però penso che spiritualmente io sia nato oggi o comunque ieri quando siamo arrivati qui; io vorrei sapere per sentire quello che sto sentendo attualmente, oltre alla preghiera cosa debbo fare?
I. — Va benissimo, se lei è diventato ieri il vero credente, come lei ha detto, va benissimo che lei vada avanti così per tutta la vita, fino alla fine della sua vita, cioè credere quello che crede oggi qua, quello che sente deve andare avanti a sentire.
D. — Benissimo ringrazio. Noi vorremmo sapere ancora se la Madonna ha rivelato a voi il vostro futuro.
V. — Non ci ha detto niente del nostro futuro, cioè del nostro futuro personalmente dobbiamo decidere noi e basta.
D. — Quindi la Madonna lascia ampia libertà! Noi che cosa possiamo fare per voi? per voi tutti veggenti?
V. — Noi non abbiamo bisogno di niente dal lato materiale; dal lato spirituale vi chiediamo di pregare per noi e noi pregheremo per voi.
Grazie!






INCONTRO CON VICKA E IVAN
Dr. Mario Botta - Dr. Piero Tettamanzi
Sono le 15,30 di venerdì 9 dicembre 1983, siamo in casa di Vicka. Ci ha portati P. Tomislav.

D. — Domanda
V. - Vicka
I. — Ivan
T. — Padre Tomislav


D. — Perché andate in chiesa tutte le sere? Andate spinti da qualcuno o per un vostro desiderio?
V. — Noi andiamo perché siamo spinti da un desiderio interiore.
D. — Vi è mai capitato di essere impediti ad andare per malattia?
V. — Io sono stata diverse volte impedita a ragione della malattia di andare in chiesa e la Madonna appariva anche qui in casa dov'ero; però non è uguale, nella Chiesa si vive di più.
D. — Qualche volta avresti preferito non andare?
V. — Nessun programma e nessuna ragione mi tratteneva a casa. Volevo andare soltanto in chiesa.
D. — Che cosa dicono i tuoi compagni di scuola o di lavoro con i quali vivi tutti i giorni?
V. — Mi trovo in un ambiente favorevole a tutto questo e mi sento bene.
I. — Io ho anche una esperienza un po' brutta: quando sono andato in seminario mi deridevano e quando ho raccontato alcuni episodi, anche i professori ridevano e mi sono sentito così colpito.
D. — Ti senti stimolato ad essere più fedele nella religione dopo che ti capitano questi episodi (apparizioni)?
I. — Sì.
D. — Ti sei mai spaventato? Non sei impressionato dal fatto che questi messaggi vengono diffusi nel mondo?
V. — All'inizio tutti avevamo paura perché siamo stati nello stesso tempo presi da meraviglia per queste cose eccezionali, e il primo giorno siamo fuggiti, ma dopo la paura è sparita. Riguardo al mondo, diciamo che se tutti conoscessero questi fatti, sarebbe un bene.
D. — Ti spaventa il fatto, di essere chiamata in futuro a parlare con persone molto importanti? potrebbero essere medici, o religiosi, per esempio il Papa.
V. — Noi siamo lieti di poter rispondere a tutti; non ci fa nessuna differenza se dobbiamo parlare a una persona comune o agli esperti; forse ci troveremmo meglio davanti al Papa.
D. — Fate fatica a lavorare e a studiare tutti i giorni? Non vi distrae il pensiero di tutte le persone che vengono e di tutte le possibili implicanze future?
V. — Io non vado a scuola, devo lavorare; mi piace quando vengono le persone da fuori, perché posso trasmettere loro i messaggi. E' una cosa naturale che debba lavorare, e non ho nessuna paura del futuro.

I. — Neanche io, perché io conosco il mio futuro, la Madonna me lo ha rivelato.
D. — A proposito dei messaggi, ci raccontava lei (P. Tomislav) che questi ragazzi sono depositari di segreti: segreti di avvenimenti anche non piacevoli per l'umanità. Si parla di punizioni. Il fatto di sapere che accadranno queste cose, non vi angoscia?
V. — Io sono in possesso di 8 segreti: alcuni di essi possono però venire allontanati, se il mondo si converte, se la gente prega e digiuna (però questi veggenti non conoscono le date, che invece conosce Mirjana. Ndr).
D. — Quando finisce la visione, che cosa ricordate di prima? ricordate il momento quando siete entrati nella cappella? vi sentite storditi come quando ci si sveglia da un sonno difficile? oppure vi sentite normalissimi?
T. — Quando vengono, subito i loro pensieri sono rivolti all'apparizione. Allora si sentono levitare, proprio levitare. Ivan dice di sentirsi fuori dallo spazio. Poi si sentono leggerissimi.
D. — Parlate fra di voi di quello che vedete?
V. — Noi diciamo alla gente e tra di noi parliamo di quello che ci è permesso, ma dei segreti e delle cose per le quali la Madonna disse di non parlare, noi non parliamo neanche tra di noi. Nessuno di noi ha voglia di domandare agli altri "che cosa hai ricevuto?".
D. — Come vedete la Madonna? in che forma? sempre uguale tutti i giorni? con quale vestito? di che grandezza? con che espressione sul volto? È La vedete tutti allo stesso tempo?
V. — Vediamo la Madonna ogni giorno uguale; però ieri (8 dicembre) era diversa perché era la sua festa. La Madonna era luminosissima e di un colore più splendente del solito.
D. — Quando hai una visione vorresti non tornare più nella vita comune di tutti i giorni?
V. — E' difficile dirlo: io mi sento felice per quello che vedo, però mi sento attirata anche da questo mondo.
T. — Vorrei aggiungere una spiegazione relativa al momento in cui Jakov e Vicka sono stati portati dalla Madonna nel Paradiso. Quando col corpo sono usciti da quella esperienza, Jakov stava piangendo e correndo verso la mamma. Essi dicono che è bellissimo, però, tornati nel corpo, hanno bisogno del corpo.
D. — Tu come pensi di orientare il tuo futuro, la tua vita domani,
quando le apparizioni saranno terminate, se lo saranno?
I. — Conosciamo un segreto riguardante il nostro futuro, ma non lo possiamo dire.
D. — A proposito dei segreti relativi al vostro futuro, cioè al fatto che sappiate già quale è il vostro futuro, non è limitante per la vostra libertà?
V. e I. — Noi siamo liberi, la Madonna non ci ha imposto niente.
D. — Siete obbedienti ai vostri genitori? I genitori non vi hanno mai fatto difficoltà, non hanno mai pensato che foste in crisi?
I. — All'inizio i miei genitori pensavano tantissime spiegazioni, di droga, di ufo etc. Una volta essi mi hanno impedito di salire lassù (sulla collina delle Apparizioni), però è successo che ho visto la Madonna lo stesso, in quello stesso momento.
D. — Siete sicuri di ricordare tutto quello che vi è stato dettò dalla Madonna?
V. e I. — L'essenziale sì!



Fonte http://www.euve24544.startvps.com/ar3/frigerio-interviste/index.html:

Nessun commento:

Posta un commento