Translate

venerdì 14 febbraio 2014

"Giovani, non abbiate paura di sposarvi" - Papa Francesco- 14 feb 2014

Piazza San Pietro si è riempita di oltre ventimila fidanzati, provenienti da 28 Paesi, per l'incontro con papa Francesco nel giorno di San Valentino. Papa Francesco ha scritto su twitter: "Giovani, non abbiate paura di sposarvi: uniti in un matrimonio fedele e fecondo, sarete felici".
Se l'amore è "solo un sentimento, uno stato psicofisico", "non si può costruirci sopra qualcosa di solido": "ma se invece l'amore è una relazione, allora è una realtà che cresce, e possiamo anche dire a modo di esempio che si costruisce come una casa. E la casa si costruisce assieme, non da soli!" dice papa Francesco ai giovani in piazza: questa casa, "per vivere insieme per sempre", non va fondata "sulla sabbia dei sentimenti che vanno e vengono, ma sulla roccia dell'amore vero,l'amore che viene da Dio".
"Vivere insieme è un'arte, un cammino paziente, bello e affascinante. Non finisce quando vi siete conquistati l'un l'altro… Anzi, è proprio allora che inizia!", ha detto ancora papa Francesco alle coppie di fidanzati riunite in Piazza San Pietro. "Questo cammino di ogni giorno - ha aggiunto - ha delle regole che si possono riassumere in tre parole, che ho già detto alle famiglie, e che voi già potete imparare ad usare tra voi: permesso, grazie e scusa".
Invece che il consueto "Dacci oggi il nostro pane quotidiano", i fidanzati possono, anzi, devono pregare: "Signore, dacci oggi il nostro amore quotidiano" consiglia Francesco. Per rafforzare il suo invito, Bergoglio ha invitato le coppie in piazza a ripetere più volte con lui la nuova versione dell'invocazione a Dio nel Padre Nostro.
"L'amore - ha spiegato - infatti, è il vero pane dell'anima". Il Papa ha anche osservato che "il 'per sempre' non è solo questione di durata! Un matrimonio non è riuscito solo se dura, ma è importante la sua qualità. Stare insieme e sapersi amare per sempre è la sfida degli sposi cristiani. Mi viene in mente il miracolo della moltiplicazione dei pani: anche per voi, il Signore può moltiplicare il vostro amore e donarvelo fresco e buono ogni giorno. Ne ha una riserva infinita!".
"Fate in modo che sia una vera festa, una festa cristiana, non una festa mondana!" raccomanda Francesco ai fidanzati sul loro matrimonio. "E' bene che il vostro matrimonio sia sobrio e faccia risaltare ciò che è veramente importante. Alcuni sono più preoccupati dei segni esteriori, del banchetto, delle fotografie, dei vestiti e dei fiori... Sono cose importanti in una festa, ma solo se sono capaci di indicare il vero motivo della vostra gioia: la benedizione del Signore sul vostro amore", ha aggiunto.
"L'amore vero non si impone con durezza e aggressività". E' invece "la cortesia che conserva l'amore": "e oggi nelle nostre famiglie, nel nostro mondo, spesso violento e arrogante, c'è bisogno di molta più cortesia. E questo può cominciare a casa". E' il 'segreto' del vero amore indicato da papa Francesco. Bergoglio ha ricordato ai giovani presto sposi la necessità di usare sempre le tre parole "permesso, grazie e scusa". "Chiedere permesso - ha spiegato - significa saper entrare con cortesia nella vita degli altri. A volte invece si usano maniere un po' pesanti, come certi scarponi da montagna!".
La "gratitudine", inoltre, ha affermato, "è un fiore che cresce in terra nobile: è necessaria la nobiltà dell'anima perché cresca questo fiore". "Dirsi grazie a vicenda, per ogni cosa - ha consigliato il Pontefice -. Non è una parola gentile da usare con gli estranei, per essere educati. Bisogna sapersi dire grazie, per andare avanti bene insieme". L'ulteriore consiglio è quello di chiedere sempre "scusa": "In genere ciascuno di noi è pronto ad accusare l'altro e a giustificare se stesso. E' un istinto che sta all'origine di tanti disastri. Impariamo a riconoscere i nostri errori e a chiedere scusa". "Anche così - ha detto - cresce una famiglia cristiana. Sappiamo tutti che non esiste la famiglia perfetta, e neppure il marito perfetto, o la moglie perfetta". E con un sorriso ha aggiunto: "Non parliamo della suocera perfetta!". Francesco ha ammesso che "è abituale litigare tra gli sposi", e può capitare persino che "voli qualche piatto": "ma per favore ricordate questo - ha aggiunto -, mai finire la giornata senza fare la pace. Questo è un segreto, un segreto per conservare l'amore.
"Se finisci la giornata senza fare la pace - ha concluso -, quello che hai dentro il giorno dopo è freddo, è duro, è più difficile fare la pace. Se impariamo a chiederci scusa e a perdonarci a vicenda il matrimonio durerà e andrà avanti".

Nessun commento:

Posta un commento