Translate

giovedì 27 febbraio 2014

in che modo comunicate con la Madonna?

MODO MISTERIOSO DI COMUNICARE.  
Janko: Vicka, a tutti noi è chiaro che non comprendiamo molte cose riguardo ai vostri rapporti con la Madonna. Almeno per me, la cosa meno chiara è in che modo comunicate con lei. Alcune cose le conosciamo sin dall'inizio delle apparizioni. Così, sappiamo che mentre voi parlate con la Madonna, nessuno di noi che vi siamo accanto sente, né sa niente di quello che lei vi risponde.
Vicka: È esatto. È stato così fin dall'inizio.
Janko: E come mai?
Vicka: Non lo so, questo. Non sapevo neppure che era così. La Madonna ci parla al modo solito; noi sentiamo la sua voce argentina e dolce, come se canti... Sono gli altri che dicono di non sentire niente.
Janko: Va bene. Quand'è che avete saputo che noi altri non la sentiamo?
Vicka: Presto. Ce l'hanno detto subito che gli altri, la gente, non sentono quello che ci dice la Madonna.
Janko: Non avete mai domandato alla Madonna perché succede così?
Vicka: Abbiamo provato, ma lei... Le abbiamo detto di manifestarsi in qualche modo alla sua gente perché la gente ne diceva di tutti i colori. Le abbiamo detto e l'abbiamo pregata di apparire a tutti, così tutti vedevano che lei era qui. Ma noi non possiamo comandare alla Madonna! Che ci vuoi fare?
Janko: La Madonna, vi ha risposto qualcosa?
Vicka: Ha detto: «Beati quelli che non vedono, ma credono!». Altre volte incominciava subito a pregare o a cantare.
Janko: Va bene. Ma così non si chiarisce il mistero del vostro modo di comunicare con la Madonna.
Vicka: Che cosa vorresti sapere ancora?
Janko: Da parte mia, partecipando ai vostri incontri con la Madonna e parlando con voi, ho vissuto dei fatti poco chiari ed è meglio che ti chieda qualcosa. Tu dimmi quello che vuoi e che sai.
Vicka: Va bene; incomincia pure a domandare.
Janko: Se uno di voi, a nome di tutti, domanda qualcosa alla Madonna, mentre noi non sentiamo niente, voi invece sentite tutti sia la domanda che la risposta?
Vicka: Sì, sentiamo tutti, sia la domanda che la risposta.
Janko: E perché noi no?
Vicka: Ma, lo dite voi che non sentite!
Janko: E se uno di voi sei volesse chiedere alla Madonna qualcosa, ma non desiderasse essere sentito dagli altri, come deve fare?
Vicka: Allora nessun altro sente né la domanda né la risposta, eccetto colui che chiede.
Janko: È proprio così?
Vicka: Sì, proprio così. E successo così cento volte!
Janko: E se la Madonna desidera dire qualcosa a qualcuno di voi, ma solo a lui?
Vicka: Beh, è la stessa cosa. Noi vediamo che la Madonna parla con uno, sappiamo anche con chi parla, ma di solito non sentiamo che cosa gli dice. Qualche volta lo sentiamo e qualche volta no: come vuole la Madonna.
Janko: Con te è successo questo qualche volta?
Vicka: Solo una volta.
Janko: Sicuramente ti avrà rimproverato...
Vicka: Vai avanti.
Janko: Va bene. Voi avete fatto e fate ancora delle domande a nome di qualche altro; e se, per così dire, questa persona non gradisse che la cosa venga saputa dagli altri di voi, come si fa?
Vicka: Te l'ho già detto: sentono soltanto la Madonna e colui che fa la domanda.
Janko: Lo sai che anch'io, per mezzo tuo, ho fatto delle domande del genere, e non volevo che nessun altro lo sapesse.
Vicka: Infatti nessuno ne ha saputo niente, eccetto la Madonna e me.
Janko: Ne sei sicura?
Vicka: Ma certo! Stai tranquillo.
Janko: Va bene. Sarà così.
Vicka: Non devi dire «sarà così». È così e basta.
Janko: Bene. Però devi avere pazienza perché c'è un'altra cosa che mi interessa.
Vicka: Dilla.
Janko: È un'altra cosa che non mi è chiara: come vi mettete d'accordo tra di voi sul momento in cui fare le domande alla Madonna?
Vicka: Ma non ci mettiamo d'accordo per niente. Noi possiamo fare le domande anche contemporaneamente e lei risponde a ciascuno.
Janko: Non potrebbe succedere che qualcuno di voi faccia tante domande alla Madonna che lei non abbia il tempo di rispondere agli altri?
Vicka: Ti ho detto che questo non può accadere. Non te lo so spiegare, ma la Madonna sistema tutto.
Janko: Bene, sarà così. Tu, Vicka, pensi forse che io abbia finito; invece no. Mi interessa seriamente sapere ancora una cosa.
Vicka: Su, dilla, così non perdiamo tempo.
Janko: Eccola. Proprio in quest'ultimo tempo mi hai detto una cosa strana.
Vicka: Cosa mi tiri fuori adesso?
Janko: Te la debbo descrivere un po'.
Vicka: Fa' solo il più brevemente possibile.
Janko: Va bene. Sappiamo che a voi veggenti, come dite, la Madonna ha spiegato la sua vita per un lungo tempo. Alcune volte ho tentato di rivolgere una domanda alla Madonna riguardo a questo mio colloquio che avevo in mente di fare con te. Voi mi avete sempre risposto che in quel periodo la Madonna non vi permetteva di farle nessuna domanda. Quando poi la Madonna ha smesso di spiegare la sua vita al piccolo Jakov, tu mi hai consigliato di servirmi di lui per chiedere alla Madonna quello che desideravo. Mi sembrava una cosa impossibile, ma ci ho provato ugualmente. Ho dato a Jakov alcune domande scritte, perché non mi fidavo della sua memoria.
Vicka: E cosa è successo?
Janko: Io desideravo che questa cosa rimanesse solo tra la Madonna, Jakov e me.
Vicka: Allora?
Janko: Quasi per miracolo, mi è sembrato che Jakov abbia domandato tutto alla Madonna perché, come avevo chiesto io, dopo mi ha riportato tutte le domande con le risposte della Madonna. Con la data e con la firma.
Vicka: A te sembra un miracolo; per me è tutto molto semplice. Questo è solo un aspetto del nostro rapporto con la Madonna. Se tu sapessi tutto!
Janko: Dunque la Madonna può comunicare con voi nello stesso tempo, come si direbbe oggi, su più canali...
Vicka: Certo che può farlo. Quante volte fa così!
Janko: Questo, anche se non lo comprendo, posso crederlo più facilmente.
Vicka: Allora alle altre cose non ci credi?
Janko: Ma sì che ci credo. Qualcosa di questo l'ho vissuto insieme a voi, perciò mi e più facile crederci.
Vicka: Che cosa hai vissuto?
Janko: Forse sarà una cosa troppo lunga e non so se avrai la pazienza di ascoltarmi.
Vicka: Ma su, racconta!
Janko: Va bene, ti ringrazio. È andata così. Era il 29 novembre dell'anno scorso [1982]. Mi trovavo con voi all'apparizione della Madonna. Sai che mi piace assistere ai vostri incontri.
Vicka: Lo so. E allora?
Janko: Allora è successo questo. Quella sera iniziava a Medjugorje la novena dell'immacolata Concezione della Beata Vergine Maria. Quando voi, che eravate in quattro, vi siete incamminati verso la stanzetta per l'incontro con la Madonna, anch'io sono entrato con voi. Mi sono messo dietro la porta, come faccio sempre, per potervi osservare durante l'apparizione.
Vicka: Ebbene?
Janko: Ecco, durante l'apparizione ho notato dei sentimenti diversi in voi veggenti. Tu eri sorridente e serena come al solito, anche se allora eri seriamente ammalata. Maria era insieme serena e seria, come è sua abitudine. Invece sul volto di Ivanka e di Jakov si vedeva che c'era qualcosa che li faceva soffrire. Sul volto di Ivanka una volta ho visto addirittura come un irrigidimento; come se volesse piangere. Anche la Madonna si è comportata diversamente dalle altre volte.
Vicka: Come sarebbe a dire?
Janko: Ma! È apparsa subito dopo la prima parola del primo Padre nostro da voi iniziato. Ed è cominciato quel silenzio di cui ho parlato adesso.
Vicka: E con questo?
Janko: Poi voi, dopo qualche minuto, avete continuato con la Madonna il Padre nostro interrotto. Avete poi subito aggiunto quel vostro «Ode», se ne va! La Madonna di solito non si comporta così con voi.
Vicka: Va bene; si è svolto tutto così. Solo che non capisco che cosa vorresti dire con tutto questo.
 Janko: Ma! Mi è sembrato tutto un po' insolito. Poi le cose mi sono diventate un po' più chiare quando vi siete alzati e il piccolo Jakov vi ha domandato ad una ad una: «La Madonna ti ha lasciato qualche segreto?». Ivanka ha risposto di sì; tu e Maria avete detto di no.
Vicka: Che vuoi farci? Le cose sono andate così e basta. Allora la Madonna aveva svelato a loro due il nono segreto. A me e a Maria, no. (A Maria ha comunicato il nono segreto più tardi].
Janko: Anch'io ho sentito questo. Ho chiesto a Ivanka più tardi anche un'altra cosa: se la Madonna le ha fatto vedere qualcosa riguardo a quel segreto. Ivanka, quasi tra le lacrime, mi ha risposto: «Ma sarei morta, se me l'avesse anche mostrato!».
Vicka: Bene. Ti ha detto quello che ti ha detto. È affare suo.
Janko: Però da queste parole si potrebbe concludere che quel segreto annuncia qualcosa di orribile!
Vicka: Va' avanti, se hai altro da domandare.
Janko: Vicka, in queste cose sei proprio irremovibile! Va bene. Dimmi questo: tu hai notato che la Madonna stava dicendo a loro due qualcosa di particolare?
Vicka: Sì, l'ho notato; ma non sapevo che cosa diceva a loro. Ho capito che si trattava di cose serie perché anche la Madonna era seria; più seria del solito. Niente altro.
Janko: Strano.
Vicka: Per alcuni è strano, per altri no.
Janko: E voi, dopo, avete parlato di questo?
Vicka: No, niente.
Janko: Come mai?
Vicka: È così e basta.
Janko: Bene; sia pure così. Ma a me è capitata una cosa proprio nel giorno dell'Immacolata, proprio quando è finita la novena.
Vicka: È una cosa importante?
Janko: Dipende. Per te lo è; fino a un certo punto lo è anche per me.
Vicka: Cosa ti è successo?
Janko: Ma, io anche allora ero con voi, all'incontro con la Madonna. Di nuovo è accaduta un'altra cosa interessante. Cioè quella volta tu, che hai sempre un aspetto allegro, sembravi seria.
Vicka: Forse, forse... Proprio allora io sola avevo ricevuto l'ottavo segreto.
Janko: Dicono che anche questo annuncia qualcosa di terribile.
Vicka: Ho detto quello che avevo da dire. Vai avanti.
 Janko: Bene, così anche questa. Invece in quest'ultimo periodo la Madonna, per quello che ne so io, si comporta di nuovo in maniera uniforme con voi.
 Vicka: Da che cosa lo deduci?
Janko: Ecco. A te sola, ultimamente, la Madonna sta spiegando la sua vita. Solo a Ivanka sta parlando di un nostro problema. A Maria, Ivan e Jakov spiega un'altra cosa ancora. E tutto avviene nello stesso tempo!
Vicka: Sì, sì: nello stesso tempo.
Janko: E fino a quando durerà questo?
Vicka: Non lo so e non mi interessa nemmeno. La Madonna sa quello che fa!
Janko: Capisco. Solo che sarebbe forse bene che la Madonna dicesse anche a noi qualcosa di più chiaro...
Vicka:Abbi un po' di pazienza! La Madonna un giorno parlerà a tutti.
Janko: Pensi, svelando i suoi segreti?
Vicka: Tu sai come; solo devi avere pazienza.
Janko: Va bene. Allora basta di questo.
Vicka: Forse ne abbiamo parlato anche troppo. Comunque basta.
Janko: Però, Vicka, io non ho ancora finito. Mi viene in mente un'altra cosa.
Vicka: E sbrigati, per non rimanere col desiderio inappagato!
Janko: Più volte mi hai detto che voi, quando parlate con la Madonna, le parlate così, come quando discorrete con noi.
Vicka: Certo. Come dovremmo parlare?
Janko: Questo va bene. Partecipando più volte ai vostri incontri con la Madonna, ho notato un'altra cosa interessante, oltre alle cose già dette.
Vicka: Cos'hai notato?
Janko: Dal tuo modo di aprire la bocca e tenere le labbra, si vede chiaramente che, anche se noi non sentiamo nulla, tu parli con la Madonna. Invece sugli altri, particolarmente su Maria, questo non si nota. Ecco, io le avevo dato una domanda da presentare alla Madonna. Proprio in quei giorni, anch'io ero presente con voi alle apparizioni. Osservavo particolarmente Maria, per vedere il suo aspetto quando avrebbe fatto quella domanda. Per due sere non ho notato neppure che Maria avesse parlato; in seguito, mi ha detto che non era riuscita a chiedere niente per me alla Madonna.
Vicka: E poi?
Janko: Fin qui la cosa mi sembrava abbastanza chiara e naturale. Ma la terza sera, dopo le apparizioni, Maria mi ha detto che la Madonna aveva risposto alla mia domanda, anche se io da nessuna cosa avevo potuto dedurre che lei avesse parlato con la Madonna.
Vicka: E allora?
Janko: Ho domandato a Maria se aveva parlato con la Madonna solo con il pensiero o se aveva proprio pronunciato le parole.
Vicka: E Maria?
Janko: Mi ha risposto che con la Madonna ha parlato ad alta voce, come quando parla con me.
Vicka: E che? Non lo sapevi anche prima?
Janko: Questo veramente era una novità per me, anche se pensavo di essere entrato, per quanto mi era possibile, nel segreto del vostro dialogare con la Madonna.
Vicka: Mi sembra che di questo te ne ho già parlato una volta.
Janko: Sì, ma ora soltanto m'è diventato chiaro fino a un certo punto.
Vicka: Bene, siamo riusciti a chiarire anche questo. 

Nessun commento:

Posta un commento