Translate

venerdì 21 febbraio 2014

Sembra che alcuni pellegrini vengono a Medjugorje a toccare la statua della Madonna e passano oltre.

Sono due gli atteggiamenti che vivo dentro di me in questo momento: da una parte sono triste, veramente sono triste, perché nella Chiesa molti responsabili non capiscono i messaggi del Cielo, perché molti non si mettono sul serio a guardare, a interrogare e a vedere. Dico.: sono triste, perché sono  anni che la Madonna è presente e la presenza della Madonna può anche essere fotografata sul viso dei veggenti. Può essere fotografata perché il fatto delle estasi è un fatto su cui non c'è da discutere e, se un fatto anche misterioso, davanti a noi ci invita alla preghiera, al digiuno, alla conversione, alla pace e noi cristiani non lo accettiamo... io non posso capirlo. Per me questo è come se una persona dubitasse del proprio nome. Esistono anche leggi scientifiche; se davanti a noi c'è un mistero importante per l'umanità e quel mistero spiega se stesso.

E di fronte alle apparizioni di Medjugorje dobbiamo avere almeno questo atteggiamento scientifico, onesto. Da quel mistero che i veggenti vivono esce soltanto la chiamata alla conversione, alla preghiera, al digiuno, alla pace e io non so che cosa un cristiano potrebbe desiderare d'altro, se veramente sul serio noi accettiamo Gesù Cristo. Sono triste perché non si esamina sul serio, non si portano i fatti. Questi sono fatti e dobbiamo regolarci secondo i fatti; chi non crede alle apparizioni dovrebbe credere almeno alla chiamata alla conversione; dovrebbe credere almeno alla chiamata alla pace. Tutti siamo consapevoli che il mondo se continua così finirà in una rovina totale, per questo non c'è bisogno di sapere un messaggio dal Cielo; basta leggere i giornali, ascoltare i discorsi politici e tutto quello che possiamo guardare e ascoltare per mezzo della televisione, per mezzo della radio.
Veramente sono triste perché non accettiamo sul serio questi fatti, perché non riflettiamo .
Poi sono triste anche per molti pellegrini che vengono e non si abbandonano totalmente a Dio; mi sembra che alcuni pellegrini vengono a Medjugorje, come tanta gente, a toccare la statua della Madonna e passano oltre. Se avviene qualche cosa, avviene, e se non avviene tornano e continuano la strada come prima. Ma non possiamo vivere i messaggi della Madonna, i messaggi del Vangelo così.
Così non ci ha insegnato nessun prete nel mondo a vivere la fede cristiana. Veramente dobbiamo prendere sul serio la fede; se noi prendiamo sul serio la nostra fede, allora non avremo difficoltà a capire la Madonna.
Sono triste per molti pellegrini buoni i quali dicono che la Madonna provvederà da sé, se Dio è Onnipotente. Questa può essere un'illusione.
Mi è piaciuto quello che ha detto un padre, quando ha presentato un dramma tedesco dove si parla di un handicappato uscito dal campo di concentramento; ha trovato la casa distrutta, sua moglie l'ha abbandonato, si è trovato sulla strada, poi ha deciso di uccidersi. Si è buttato nel fiume, però neanche il fiume l'ha voluto, l'ha buttato fuori sulla spiaggia. Sdraiato davanti al cielo ha incominciato a protestare: « Dio anche tu mi hai abbandonato. Dove sei? ».
Allora sul palcoscenico, nel dramma, esce la figura del Padre Celeste il quale dice: « Sì, io veramente non posso aiutare nel mondo chi non ha posto per me ».


Se noi nella nostra vita non facciamo posto per Dio, Dio non può aiutarci. Possiamo riflettere sulla storia della salvezza. Dio ha due possibilità per noi entro il quadro della nostra libertà. Ci chiama « Convertitevi per essere salvati anche qui sulla terra ». Però se il mondo non si convertiva, se Gerusalemme o le altre città non si convertivano, venivano distrutte. Dio realizza il suo programma, però il programma può essere realizzato così: « Tutti gli uomini sono salvati », ma può essere realizzato come un programma dove si vedrà che « Dio ha ragione, però noi siamo persi, noi siamo deportati in esilio ».
La nostra conversione, la nostra collaborazione con Dio diventa la speranza attiva, non un'illusione, non un'utopia. Perciò ho detto che sono triste per molti pellegrini buoni che aspettano che succeda per se stessi qualche cosa senza di loro, senza i loro digiuni, senza le loro preghiere, senza il loro impegno.
Noi dobbiamo fare, realizzare questa speranza nel modo in cui l'ha realizzata la Madonna: ha concepito, ha accettato tutto, ha fatto crescere quel Bambino nel suo seno, l'ha portato al mondo, l'ha osservato, l'ha offerto sulla Croce. E noi dobbiamo fare questo passaggio nella vita se vogliamo essere veri pellegrini che venerano la Madonna. Veramente per queste cose sono triste.
Dall'altra parte vi dico anche la mia gioia e la strada che voi potete fare, secondo me, affinché voi e il mondo possiate migliorare. Ho preso. uno dei messaggi che la Madonna ha detto alla piccola Jelena - questo è un messaggio da un colloquio che io ho avuto l'anno scorso con i veggenti, il 2 gennaio '84 - quando la Madonna disse: « Pregate e amate tutti gli uomini. Se voi amate tutti gli uomini, lì sarà anche la pace. Se voi sarete in pace con tutti gli uomini, lì sarà anche l'amore ».
La Madonna mette sempre insieme la pace e l'amore.
Attraverso Jelena, nelle ultime due settimane la Madonna ha sottolineato diverse volte il messaggio dell'amore. Mi ha toccato un messaggio una settimana fa, il penultimo sabato, quando la Madonna ci ha esercitati a « come meditare sull'amore ». Il primo passo: « Riconciliatevi con tutti gli uomini ». E ciascuno di noi doveva passare nel pensiero, vedere tutte le persone con le quali aveva difficoltà e perdonare; poi davanti al gruppo doveva riconoscere questo bisogno di perdono e chiederne a Dio la grazia. La Madonna ha detto: « Ecco adesso se avete i cuori aperti, tutto quello che chiederete a Gesù vi sarà dato ». Allora tutti hanno pregato e dopo un periodo di silenzio la Madonna ci ha messo a riflettere sui doni da chiedere al Signore, affinché il nostro amore fosse completo.
Allora di nuovo ciascuno doveva esprimersi, cercare il dono affinché il suo amore fosse completo. Alla fine ci sentivamo molto, molto bene; ciascuno si sentiva ben disposto e sentiva la gioia e la pace interiore e volevamo continuare a pregare. La Madonna disse: « Per questa sera basta. Quando voi avete l'amore allora non dovete neanche chiedere a Gesù, tutto vi sarà dato ».
 
(P. Tomislav Vlasic - 29 luglio 1985)

1 commento:

  1. Reconciliai com todos os Homens como Regina de la Pace consegue tão perto, vir ao encontro de nós pobres pecadores!

    RispondiElimina