Translate

sabato 3 maggio 2014

La Madonna di Civitavecchia ha subito una mutilazione alla mano


ROMA - Madonna di Civitavecchia venerata da Giovanni Paolo II: il mistero della mano. Sabato scorso, un giorno prima della cerimonia eccezionale di santificazione dei due Giovanni da parte di due papi, la Madonna di Civitavecchia ha subito una mutilazione fortuita dopo la da deposizione sul suo capo di una corona donata da Monsignor Grillo, ex vescovo della città. Di fronte ai fedeli sgomenti, improvvisamente la corona è caduta dalla sua sede facendo saltare una mano della statua. L’incidente alla Madonnina che in più occasioni ha lacrimato sangue di fronte a diversi testimoni (fra cui anche rappresentanti delle forze dell’ordine) ha generato sconcerto e preoccupazione specie per gli inevitabili collegamenti con l’imminente santificazione.
Estratta dalla teca dove è conservata, la statua di gesso è stata prontamente restaurata. Riferisce l’accaduto Antonio Socci su Libero che, oltre a sgombrare il campo da facili speculazioni di premonizione sinistra da parte di improvvisati censori laici ma superstiziosi della miracolosa madonnina (un po’ come successo con la colomba aggredita dal corvo in piazza San Pietro), riporta alcuni aneddoti sulla venerazione discreta ma assoluta che il papa polacco aveva per la statua.
Proprio Monsignor Grillo, all’inizio scettico sulla lacrimazione al punto di voler far distruggere la statua, fu ammonito dal papa di non procedere. Anzi, di nascosto, spesso nelle sue uscite in incognito dalla Città del Vaticano, si fermava a Civitavecchia per brevi visite. Una volta fu visto al piccolo santuario di Pantano insieme a Monsignor  Dziwisz: i due erano vestiti da cacciatori. Prima dell’ultima sfortunata corona, un’altra corona, stavolta benedetta dal futuro papa e santo Giovanni Paolo II ornava il capo della Madonna che stilla lacrime di sangue umano (di un solo tipo, in tutte le sue manifestazioni). Un evento scientificamente inspiegabile che per i cattolici ha un solo significato: il dolore della madre di Gesù per come gli uomini conducono le loro esistenze non al riparo della grazia divina.
In questi tempi scristianizzati si irridono gli avvertimenti soprannaturali della Madonna e poi magari si crede nella iettatura e si va dai maghi. Anche noti intellettuali laici sono dichiaratamente superstiziosi. Poi magari gli stessi ridacchiano scettici di fronte ai messaggi espliciti che il Cielo ha inviato tramite la Madonna a Fatima o a Medjugorje (da dove per altro arrivala statuetta di Civitavecchia). Eppure sono messaggi confermati da molti segni, prodigi e miracoli sui quali la scienza si dichiara incapace di dare spiegazioni. È il paradosso di un’epoca futile e di un’umanità cieca. (Antonio Socci, Libero Quotidiano)

Nessun commento:

Posta un commento