Translate

mercoledì 21 gennaio 2015

Melinda e il suo magico violino a Medjugorje








Melinda a Medjugorje


Piccole Stelle di Gesù e MariaMelinda Carla Dumitrescu nasce a Sinaia (Romania) nel Dicembre del 1975, in una famiglia di musicisti.
Il papà gli mette il violino in mano in tenera età e contemporaneamente la mamma la dirige nell’Amore verso la Fede Cattolica.
Inizia a fare i concerti a 9 anni come solista, accompagnata dall’Orchestra Filarmonica della sua città Brasov, Transilvania, Romania.
Riceve numerosi premi in Romania e all’estero, in particolare a 14 anni nel 1990, a Stresa di Milano (Italia), vince il premio internazionale Coppa d’Oro.

Aumentano gli inviti a suonare in Europa e a 16 anni viene chiamata a suonare in Giappone.
Durante questa tournèe, a Tokio (nella foto, con il principe Akishino, secondogenito dell'Imperatore Giapponese Akihito), alla vigilia di S. Nicola, durante l’Avvento, vive una speciale esperienza dopo il terzo bis richiesto dal pubblico, quando sceglie di suonare l’Ave Maria di Bach-Gounod come quarto bis. Presenta questo brano come l’annuncio della Venuta del Messia, spiegando che l’Avvento per i cristiani è la preparazione al Santo Natale. Il pubblico giapponese, non cristiano, accoglie con grande commozione questo momento. Melinda, a soli 16 anni, comincia così a capire, lontana da casa, attraverso quell’esperienza, che tutti i sacrifici, le ore di studio ed i viaggi intrapresi avevano un senso più profondo, molto al di là degli applausi e del successo momentaneo.

Conosce in quell’occasione il suo futuro maestro di fama mondiale, Zachar Bron, che l’anno successivo l’accoglie nella sua classe internazionale di violino classico, alla Musikhochschule (Accademia Musicale) di Lubecca, Germania, con una borsa di studio accordatagli dalla stessa Accademia insieme alla Fondazione Elias di Bucarest.
Incomincia così una nuova tappa della sua vita, accompagnata dalla preghiera di sua madre e dei suoi cari.
Mentre aumentano i suoi successi (nella foto, con Anne Fitzalan-Howard, duchessa di Norfolk) e si aprono sempre più porte alla sua carriera solistica, Melinda continua a ricercare il filo conduttore della sua vita.

In questa sua ricerca continua, non soddisfatta dal successo sul palcoscenico, attraverso un libro regalatole da una devota amica, arriva nel 1996 a Medjugorje, Santuario Mariano, dove scopre la sua missione e gradualmente la sua vocazione, attraverso la preghiera.
Continua i suoi studi ed i suoi concerti, e dopo la laurea nel Febbraio del 2000, a 24 anni, rinuncia alla carriera (le erano stati offerti anche 500 euro al minuto per le sue esibizioni) e rimane a Medjugorje al servizio della Parrocchia, animando, col suo violino ed il canto, la liturgia, il Festival dei Giovani, vari momenti di preghiera ed eventi culturali. La sua animazione ed esibizione musicale ha raggiunto numerosissimi Stati nel Mondo, tra cui Stati Uniti, Corea del Sud, Messico, Panama, Puerto Rico.
Ha vissuto contemporaneamente, fino al 2012, un’esperienza spirituale nella Comunità dei Figli del Divino Amore. In questa esperienza comprende la sua vocazione di consacrata laica.

Nel 1998, durante il Festival dei Giovani, nasce nel suo cuore il desiderio di un progetto che, staccandosi dalla Comunità dei Figli del Divino Amore, decide di avviare nel 2013.
Il progetto si chiama “Piccole Stelle di Gesù e di Maria”. Coinvolge giovani musicisti ed artisti e si propone di essere uno strumento di Evangelizzazione attraverso la bellezza della musica e dell’arte, sulle basi della preghiera, dei sacramenti e dell'impegno di castità.
Le Piccole Stelle di Gesù e di Maria animano incontri di preghiera in tutto il mondo, e propongono concerti e spettacoli di evangelizzazione combinando musica classica, musica sacra, danza e recitazione.
Nel primo anno di progetto, le Piccole Stelle di Gesù e di Maria hanno tenuto concerti e animato incontri di preghiera in vari Paesi, tra cui Italia, Croazia, Bosnia-Hercegovina, Germania, Austria, Romania e Corea del Sud.
Fonte:http://www.melindadumitrescu.net/it.html

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

                      La Comunità dei Figli del Divino Amore

Chi ha avuto l’opportunità di andare a Medjugorje conosce già la Comunità dei Figli del Divino Amore, ma voglio dedicare a loro il sabato e la domenica, un piccolo omaggio di ringraziamento per i bellissimi momenti che ho vissuto con l’accompagnamento della loro musica durante le Adorazioni al Santissimo, sia direttamente a Medjugorje sia in streaming, e le S. Messe in lingua italiana che loro animano ogni giorno.



Ho conosciuto alcune persone della Comunità durante il mio soggiorno estivo di un mese a Medjugorje nel 2005 ed ho ricevuto delle guarigioni interiori dal Signore anche attraverso la loro musica, la chitarra e la voce di fra Roland ed il meraviglioso violino di Melinda, e quando ascolto i loro brani mi sento toccare in profondità con quella forza e dolcezza che solo la musica ha.



La Comunità è stata fondata da Madre Rosaria della Carità nel 1995 ed è di ispirazione francescana e mariana, legata ai messaggi della Regina della Pace, con il desiderio di vivere in modo più radicale il Vangelo, dedicandosi alla preghiera con il carisma della musica e della preghiera di riparazione  dei peccati di coloro che sono lontani dall’amore di Dio attraverso la preghiera e l’offerta della propria vita.



La Comunità comprende laici, famiglie e due rami di consacrati: quello maschile degli Apostoli di Maria Addolorata e quello femminile delle Figlie adoratrici del Preziosissimo Sangue entrambi in cammino di formazione e riconoscimento con la guida spirituale del vescovo di Palestrina, Monsignor Domenico Sigalini. Hanno la sede principale a S. Cesareo, vicino Roma, ma hanno anche una casa a Medjugorje ed in altre parti del mondo.



Nella domenica di video testimonianze posterò tre video molto importanti, per cui non vi dico di più, richiedono un po’ di tempo, ma è tempo speso bene che volerà e vedrete come il Signore tocca e compie meravigliosamente la vita delle persone e come l’amore della Santa Madre intercede per questo incontro salvifico.



A presto cari amici e grazie
 

Nessun commento:

Posta un commento