Translate

sabato 7 febbraio 2015

Commento al messaggio del 2 feb 2015 della Regina della Pace

COMMENTO di Padre Livio al messaggio Regina della Pace a Mirjana di Medjugorje del 2 febbraio 2015 
"Cari figli,
eccomi sono qui in mezzo a voi.
Vi guardo, vi sorrido e vi amo come solo una madre può fare.
Attraverso lo Spirito Santo che viene per mezzo della mia purezza, vedo i vostri cuori e li offro a mio Figlio.
Già da tanto tempo vi chiedo di essere miei apostoli, di pregare per coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio.
Chiedo la preghiera fatta con l’amore, la preghiera che fa opere e sacrifici.
Non perdete tempo a capire se siete degni di essere miei apostoli.
Il Padre Celeste giudicherà tutti, ma voi amateLo ed ascoltateLo.
So che tutte queste cose vi confondono, anche la mia venuta in mezzo a voi, ma accettatela con gioia e pregate per comprendere che siete degni di operare per il Cielo.
Il mio amore è su di voi.
Pregate affinché il mio amore vinca in ogni cuore, perché questo amore che perdona si dona e non cessa mai.
Vi ringrazio."

*****************************************************************************
È un messaggio tutto rivolto a quelli che hanno risposto alla chiamata, a quelli che la Madonna ha chiamato ad essere suoi apostoli, ma che esitano a rispondere a questa chiamata avendo quasi un di po' paura, un po' di timore, anche un po' di stupore per un impegno così importante.

“Voi dovete accettare con gioia questa chiamata e dovete nella luce della Spirito Santo capire che Dio stesso vi ha fatti degni di operare per il Cielo, perché allora così non rimanete lì perplessi, ma fate il passo avanti, dite “presente!” e in questo modo voi operate affinché il mio amore” dice la Madonna, “vinca in ogni cuore, vinca nel mondo”.
Questo è il significato del messaggio, affinché possiamo comprenderlo bene e comprenderlo come un'esortazione, come una chiamata ulteriore, perché finora siamo rimasti un po' esitanti nel donarci a Maria.
È un messaggio molto bello. La Madonna in altre occasioni aveva detto: ”vi guardo e vedo ciò che c'è nei vostri cuori” e cioè nei nostri cuori, vede la sporcizia, ha detto più di una volta: “vi guardo e vedo i vostri cuori impuri”, “vedo che molti di voi vengono qui, pregano, si inginocchiano, dicono il Rosario, ma il loro cuore è impuro”.
Oggi la Madonna invece ha uno sguardo di compiacenza guardandoci; ci guarda nella luce dello Spirito Santo e vede esattamente qual è la nostra situazione spirituale e dice: “Vi guardo e siccome vedo in voi il cuore di figli, vi sorrido”.
Noi, quando vediamo una persona buona, una persona che risponde, che è ben disposta, sorridiamo a questa persona “Vi guardo, vi sorrido e vi amo”. Belle queste tre espressioni, dobbiamo imprimercele bene nella memoria e ogni tanto pensiamole, quando siamo giù di morale, siamo un po' afflitti, siamo un po' nella nebbia, pensiamo che Dio sia lontano, che la Madonna non pensi a noi, che le cose vanno male, allora pensiamo a questo passaggio di questo bellissimo messaggio.
“Vi guardo, vi sorrido e vi amo”, la Madonna guarda ognuno, sorride a ognuno e ama ognuno “come solo una madre può fare”.
Le mamme capiscono molto bene quando guardano i figli, sorridono e se li stringono al cuore, cosi fa la Madonna con ognuno di noi.
Poi dice: “Attraverso lo Spirito Santo, che viene per mezzo della mia purezza”, che bello cari amici, perché la Madonna è la mediatrice delle grazie, della grazia dello Spirito Santo che viene a noi dal Cuore di Maria, perché è trasparente, puro e immacolato, per cui noi giustamente diciamo “vieni Spirito Santo, vieni per mezzo di Maria”, attraverso la purezza del Cuore di Maria viene a noi questa luce dello Spirito Santo, ”vedo i vostri cuori”, vedendoli magari anche tristi, piagati, feriti, ma non con dentro la cattiveria, l’odio, l'invidia, la gelosia, quindi cuori purificati dal veleno del serpente “e li offro a mio Figlio”, perché li guarisca ulteriormente, li purifichi fino in fondo, li ricolmi della Sua pace, della Sua gioia, della Sua sapienza, della Sua luce.
Quindi la Madonna viene come una mamma che ci guarda, ci sorride, ci ama, guarda i nostri cuori, li prende e li offre a Suo Figlio Gesù.
Poi la Madonna dice “Già da tanto tempo vi chiedo di essere miei apostoli, di pregare per coloro che non hanno conosciuto l’amore di Dio”, mi pare che stia usando la parola “apostoli” da una decina di anni.
La Madonna fa riferimento a questa Apparizione del 2 febbraio, festa della Presentazione di Gesù al Tempio, dove alla Madonna è stato preannunciato che il Bambino sarà segno di contraddizione, che molti lo rifiuteranno e che anche a Lei una spada trafiggerà l'anima!
La Madonna ha scelto il 2 del mese per venire a pregare non solo per quelli che non credono, che sono atei, ma anche per quelli che non hanno conosciuto l'amore di Dio e che possono essere anche dei cristiani.
Quindi la Madonna ci dice, “attenzione, Io sono venuta qui, vi chiedo di essere miei apostoli, apostoli della pace, dell'amore, della fede, perché appunto possiate portare questa gioia, questa pace, quest'amore, a quelli che non hanno conosciuto l'amore di Dio”, cioè lo devono conoscere attraverso di noi, con la testimonianza della nostra vita.
E ci chiede ancora per essere Suoi apostoli: “Chiedo la preghiera fatta con l’amore, la preghiera che fa opere e sacrifici”, la preghiera fatta con amore e che poi si traduce in opere a favore degli altri, in sacrifici nel donare la vita per cooperare a questa grande opera della salvezza.
La Madonna ci dice: “vi ho chiamato ad essere miei apostoli perché Dio stesso mi ha detto di fare questo”.
Ma, dice la Madonna, siccome ci vede esitanti, ci sente dire “ma io cosa posso fare, io ho tanto da fare, eccetera, la Madonna dice: “Non perdete tempo a capire se siete degni di essere miei apostoli”, in questo “non perdere tempo”, fa capire l'urgenza dell'ora nella quale viviamo.
Oggi, cari amici, è l'ora della battaglia! Perché il nemico è scatenato, satana è sciolto dalle catene, è l'ora della battaglia personale, di tutti noi, perché l'amore domini i nostri cuori, perché l'amore si diffonda, è la battaglia di tutta la Chiesa.
Quando viene la battaglia si va a combattere!
“Non perdete tempo a capire se siete degni di essere miei apostoli” eh, cosa ho combinato io nella mia vita, poi non so parlare e poi...! Sai pregare? Sai amare? Sai testimoniare? Non lo sai fare? Impara, forza! Perché poi ovviamente chi non rischia non rosica, chi non mette la sua vita al servizio di grandi ideali invece di fare l'aquila farà il pollo.
“Il Padre Celeste giudicherà tutti, ma voi amateLo ed ascoltateLo”, cioè “non dovete essere voi stessi a dire non son degno, lo giudicherà Dio se mai! Dio attraverso Me vi chiama, voi intanto ascoltate questa chiamata e rispondete alla chiamata dell'amore, poi lasciate che il Padre Celeste alla fine giudichi tutti” e se noi adesso rispondiamo, Lo ascoltiamo, Lo amiamo, ci dirà “venite, benedetti nel Regno del Padre mio”.
Poi la Madonna dice una frase molto interessante: “So che tutte queste cose vi confondono, anche la mia venuta in mezzo a voi”, cioè la Madonna dice: “so benissimo che molti dicono: eh, ma queste Apparizioni durano da 34 anni! Con tutti questi messaggi tutti i giorni! È possibile una cosa del genere? Non sarà mica una fregatura, un’esagerazione?”
La Madonna chiama proprio come quel re che chiamava a pranzo i notabili, ma loro non hanno risposto, allora ha mandato i suoi servi nelle piazze, nelle strade a prendere tutta la gente di poco conto, per andare al banchetto. Chi siamo noi perché la Madonna venga qui in mezzo a noi? Non siamo degni di una cosa così grande, eccetera, insomma esitiamo ad alzarci in volo, come se gli apostoli chiamati ad essere pescatori di uomini avessero detto “eh, ma non siamo mica capaci, e come facciamo”, hanno risposto e basta!
“So che tutte queste cose vi confondono, anche la mia venuta in mezzo a voi”, vi confonde, crea esitazione perplessità, forse anche stupore, “ma proprio a noi? Ma adesso? Eh, ma la Chiesa non ha ancora approvato! Proprio qui? “ma accettatela con gioia”, dice la Madonna, “e pregate per comprendere che siete degni di operare per il Cielo”, cioè Dio con la sua grande misericordia ci ha fatto cooperatori della grande opera della redenzione e noi siamo degni di operare per il Cielo, per i progetti del Cielo, per riempire il Cielo di persone.
Poi la Madonna dice una cosa bellissima: “Il mio amore è su di voi”, è un'aria, una pioggia che allontana la nuvola nera dell'odio, dell'invidia, della cattiveria, “Pregate affinché il mio amore vinca in ogni cuore, perché questo amore che perdona si dona e non cessa mai”, cioè “il mio amore è un amore che perdona e non cessa mai di donarsi, il mio amore vi circonda, vi protegge, vi riempie e voi fate sì che vinca nel vostro cuore per poterlo portare a coloro che non hanno conosciuto l'amore di Dio”. “Vi ringrazio".
Vedete che il messaggio è molto semplice nella sua bellezza e nella sua incisività ed è un messaggio che chiede una risposta. Noi nel nostro cuore dobbiamo darla senza perder tempo in varie considerazioni, che poi hanno lo scopo di lasciarci lì dove siamo, nella palude!
Fonte: https://www.facebook.com/radiomaria/posts/834260206611931

Nessun commento:

Posta un commento