Translate

venerdì 27 febbraio 2015

Quello che ha detto la veggente Marija sul messaggio del 25 feb 2015

Marija di Medjugorje in diretta con P.Livio la sera del 25 febbraio
-testo integrale della telefonata-
"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito tutti: pregate di più e parlate di meno. Nella preghiera cercate la volontà di Dio e vivetela secondo i comandamenti ai quali Dio vi invita. Io sono con voi e prego con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”
P. Livio: Sembra un messaggio per la Quaresima.
Marija: Anche per questo messaggio dico: questo è per me. Ci dice di essere più silenziosi, più nella preghiera che ci unisce a Dio, più attenti ai comandamenti e a viverli, ma soprattutto la Madonna dice: “Io sono con voi e prego con voi”.
P. Livio: Sembra che la Madonna non sia molto contenta di quanto preghiamo. Anche nel messaggio che ha dato a Ivan venerdì 20/2, la Madonna ha detto che per la pace dobbiamo pregare di più e pregare col cuore.
Marija: Io penso che il mondo con la sua mondanità ci sta inquinando. E’ per questo che la Madonna ci invita e ci ripete di continuo che dobbiamo pregare, che senza la preghiera non possiamo resistere al male, non possiamo essere suoi e vivere quello che Dio vuole da noi. Credo che la preghiera sia il mezzo attraverso il quale noi ci avviciniamo a Dio. Per questo la Madonna ci invita sempre a pregare.
P. Livio: Lei chiama la Quaresima un tempo di grazia.
Marija: E’ vero, perché è un tempo che siamo più vicini a Dio, più vicini alla sua volontà, alla sua grazia, alla sua misericordia. Perché contempliamo di più la vita e la morte di Gesù, quanto Lui ha sofferto per amore di ognuno di noi. La Madonna dice che è un tempo speciale di grazia perché per noi, se lo vogliamo, è un tempo di rinuncia, di digiuno, di tanti piccoli sacrifici attraverso i quali noi ci rafforziamo. Anche intensificando la preghiera e l'adorazione, noi diventiamo più forti.
P. Livio: Fino a qualche anno fa qui in Italia, ma forse anche da voi, la Quaresima si sentiva di più, era vissuta, invece adesso piano, piano la Quaresima è quasi scomparsa ed è un carnevale continuo.
Marija: E’ quello che vediamo in televisione, nel mondo, dove c’è il divertimento, ci sono solo io e non c'è posto per Dio. Invece la Madonna con la sua presenza ci dice di mettere Dio al primo posto nella nostra vita.
P. Livio: Ti ricordi qualcosa dei primi tempi quando in Quaresima a Medjugorje facevate tanti digiuni, tante penitenze e c'era un grande fervore? Tu addirittura facevi tre giorni di digiuno alla settimana...
Marija: Certo, abbiamo digiunato a pane e acqua. Ricordo che una sera io e la sorella di Vicka, dopo aver pregato e aiutato le suore a pulire la chiesa e a mettere a posto i fiori, erano ormai le 23, ci siamo messe a preparare una tisana, anziché dell’acqua fredda. Ma Vicka ci ha sgridato e ha detto: “Questo non è pane e acqua, non è un sacrificio”. Era davvero un digiuno di rinunce, era tempo di grazia. Si saliva al Krizevac e si stava lassù tutta la notte in preghiera, anche col freddo sotto zero, e pregavamo per le intenzioni della Madonna. A quei tempi eravamo molto più decisi per Gesù e per la preghiera. Invece oggi il mondo ci sta prendendo, ci sta cambiando. Diciamo che abbiamo già fatto tante rinunce, tanti digiuni, sopportando anche il prossimo. Invece la Madonna dice: pane e acqua, ci chiede il coraggio, almeno ogni venerdì di Quaresima, di fare il digiuno con pane e acqua… Per la verità anche oggi a Medjugorje ci sono persone che stanno facendo il digiuno a pane e acqua per tutta la Quaresima, persone che rinunciano alle sigarette, all’alcool. C'è ancora questa tradizione, grazie al cielo.
P. Livio: Ricordo che nei primi tempi la Madonna ha detto che noi dell'Occidente avevamo dimenticato il digiuno. Poi l’ha precisato: pane e acqua. Sarebbe molto bello se tutti noi lo riprendessimo con forza, anche per chiedere il grande dono della pace, visto che la Madonna ha detto ad Ivan venerdì scorso che la pace è in pericolo.
Marija: E’ vero, la Madonna ha detto nei primi giorni: “Soltanto con la preghiera e il digiuno anche le guerre si possono allontanare”. E oggi lo vediamo in tanti posti del mondo dove c'è ancora la guerra. Non guardiamo solo all’Isis, ma guardiamo anche in altri Paesi, come in Nigeria, Ucraina, America latina come il Venezuela, Zaire… dove c’è guerriglia e anche dei bambini muoiono uccidendo gli altri perché imbottiti di esplosivi. Anche il Papa come la Madonna, dice: “Mai più le guerre!” Ammazzare tanti innocenti è una vergogna non soltanto per l'Occidente, ma per tutto il mondo. Siamo come le bestie! La Madonna ci chiede di ritornare a Dio per rispettare la vita dal concepimento fino alla morte naturale.
P. Livio: Poi c'è anche la guerra nelle famiglie: separazioni, divorzi… Io credo che la preghiera e il digiuno possano aiutare molto anche le famiglie a riconciliarsi in questo cammino quaresimale.
Marija: E’ vero. Io credo profondamente che una famiglia che prega non ha difficoltà, mentre in una famiglia che non prega il diavolo trova il modo di entrare e distruggere. Per questo la Madonna chiede che il primo gruppo di preghiera sia la nostra famiglia.
P. Livio: La Madonna e anche il Papa insistono molto sulla preparazione alla confessione pasquale.
Marija: Tante volte sembra che il Papa e la Madonna abbiano lo stesso linguaggio di amore, di misericordia, di fermezza… Che ad esempio il digiuno sia vero digiuno… Poi ci invita al digiuno della lingua: “Pregate di più e parlate di meno…”.
Marija ha quindi pregato il “Magnificat” e il Gloria.
Padre Livio ha concluso con la benedizione.

Marija e P. Livio
 Fonte: https://www.facebook.com/radiomaria/posts/844957705542181:0

Nessun commento:

Posta un commento