Translate

sabato 28 febbraio 2015

"Vengo a convertire e a riconciliare tutto il mondo"



"RICONCILIATEVI! RICONCILIATEVI CON DIO E TRA DI VOI"

 

"Riconciliatevi tra di voi; fatevi fratelli. La pace deve regnare tra gli uomini e Dio"

  Il 26 giugno Vicka domanda alla madonna: Perchè sei venuta e cosa vuoi da noi?

Ella rispose: "Vengo a convertire e a riconciliare tutto il mondo"
 

  Dunque uno degli scopi della venuta di Maria a Medjugorje è la riconciliazione.
 

Medjugorje prima delle apparizioni era un paese diviso a causa della guerra. Così proprio all'inizio delle appariazioni la Madonna diede questo messaggio alla popolazione:

  "Questa sera prima di cominciare a pregare, ognuno deve perdonare il proprio prossimo"

  Per comprendere dunque il vero significato di Medjugorje e della venuta di Maria, dobbiamo imparare a perdonare e a riconcigliarci gli uni con gli altri.

Questo significa abbassare la testa, ammorbidire il cuore e riconoscere che dobbiamo anche noi riconciliarci con i nostri fratelli e sorelle. Molti si chiedono perche' la Madonna appare cosi a lungo a Medjugorje. Finche' noi non abbiamo imparato a perdonare e a riconciliarci con i nostri fratelli, non comprenderemo il perche' la Madonna è apparsa e continua ad apparire poichè attende la nostra conversione per mezzo del nostro incontro con il signore attraverso la preghiera, quella fatta con il cuore, senza formule che ci da la possibilita di intraprendere un rapporto con Dio che è nostro Padre e non solo il nostro creatore. Una preghiera capace di farci imparare e capire il significato di quello che diciamo cosi non diventa meccanico. Una preghiera che ci fa vivere la giornata vissuta, la giornata che si apre che si vive e che finisce sempre nella preghiera. Una Preghiera che ci fa imparare a discernere, a dire e a fare le cose giuste, a ringraziare Dio, e a riconciliarci con lui che ci ama più di quanto possiamo immaginare.

 

REGOLA D'ORO: PERDONARE

  Io prego tanto ogni giorno, vado in chiesa e mi confesso regolarmente ma non ho ancora la pace nel mio cuore cosa manca? Leggiamo un messaggio della Madonna per capire cosa manca per avere la pace nel cuore giorno per giorno :

 

 

23 gennaio 1986

 

“Cari figli, vi invito ancora alla preghiera del cuore. Cari figli, se pregate col cuore, si scioglierà il ghiaccio nei vostri fratelli e scomparirà ogni barriera. La conversione sarà facile per tutti quelli che vorranno accoglierla. Questo è un dono che dovete implorare per il vostro prossimo. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!”

 

Ecco cosa manca. Nel nostro cuore portiamo Ghiaccio, è chiaro che cosi la mancanza di perdono nel nostro prossimo provoca una barriera che impedisce alla pace di regnae nel nostro cuore. Siamo tutti invitati a perdonare il nostro prossimo e il nostro nemico cosi da chiedere a Dio a nostra volta di essere perdonai. Non lo recitiamo nel padre nostro? E pedona i nostri peccati come noi li perdoniamo a coloro che ci offendono. Non perdonare è un vero cancro nella nostra vita nel nostro cuore e nella nostra anima, è una barriera che ostacola la pace che cosi non puo abitare pienamente dentro di noi. Senza perdono viviamo la guerra nel nostro cuore, è un vero inferno è amarezza. Ci sono situazione in cui il nostro o la nostra ragazza ci lasciano, e sentiamo quel peso di non riuscire a superare questo ostacolo, ci sentiamo in colpa cosi di conseguenza non riusciamo ad avere la pace nel nostro cuore. Ci sono situazione che ci impediscono di avere la pace, come il divorzio, la malattia e la guerra ma se tutto viene accettato attraverso la preghiera che è una via della pace, e attraverso il perdono, perdonando il ragazzo che ci ha lasciato, il marito che ci ha tradito, il nemico che ha ucciso nostro figlio possiamo accogliere con vittoria la pace che Dio ci dona nei nostri cuori. A volte basta un grazie, un prego e un perfavore affinche possiamo essere soddisfatti interiormente dell'aiuto dato che ci fa sentire pieni di pace, ma anche perdonare ci fa sentire bene interiormente, perche cosi possiamo avanzare un gradino avanti verso Dio che è nostro Padre e ci ama.

 

Perdonare il prossimo e perdonare è la vittoria della pace e la fine della guerra, ma per fare questo bisogna pregare e supllicare di chiedere il dono del perdono. La migliore medicina per ricevere la guarigione delle ferite è pregare davanti la croce, è li che è dato il perdono, è proprio li che riceviamo la grazia del perdono. Gesù crocifisso offre il dono della riconciliazione proprio nell'ora della sua passione sofferta per noi...Pregate, pregate, pregate per questo dono.

 

Celebriamo con i familiari, amici, fratelli e sorelle la festa del perdono. Facciamo come Santa Maria Goretti, preghiamo con le sue parole

"Io Lo(a) perdono e voglio che sia con me in paradiso"

 

Anche io stasera ho fatto questa preghiera, ho perdonato i miei nemici che mi vogliono picchiare a causa della mia testimonianza in Gesù Cristo e desidero che loro attraverso la mia preghiera e il mio perdono possano essere con me domani in paradiso.





Continuate a crescere nella pace, nella riconciliazione, nell'amore - Padre Slavko



Le apparizioni durano adesso tre, quattro, cinque minuti, come vuole la Madonna.
Vicka, Marija, Iva, Jakov, hanno le apparizioni quotidiane e sempre pregano per la pace con la Madonna, pregano per tutti i pellegrini, domandano la benedizione soprattutto per i malati e anche per gli oggetti sacri.

Che cosa vuole la Madonna da noi? Il primo messaggio è la presenza della Madonna. Quando io ho domandato a Ivanka: « Che cosa devo dire ai pellegrini? Devo parlare della paura o della speranza? ». « Della speranza perché la Madonna non è venuta a condannarci, ma a salvarci ». Allora vedete che la Madonna è presente e dalla sua presenza si può spiegare tutto quello che succede qui da cinquanta mesi. È una cosa stranissima, ma per noi è diventata una cosa ordinaria, quotidiana. La Madonna domanda: pace, conversione, fede, preghiera, digiuno, come direttive per la nostra vita e, concretamente, domanda ogni giorno il Credo, sette Padre Nostro, il Rosario intero (tutte le tre parti gaudiosa, dolorosa e gloriosa), di leggere la Bibbia, di digiunare due volte alla settimana e la confessione una volta al mese.
Queste sono le cose concrete che la Madonna domanda da noi. Domanda naturalmente che preghiamo col cuore, che prendiamo il tempo per la preghiera, che diventiamo attivi nella preghiera, che la nostra Messa diventi proprio un'esperienza viva di Dio.

Ma in tutto questo domanda che noi possiamo aprirci nella preghiera all'invito del Signore, a questo invito di pace, di riconciliazione: vuole salvarci. E tutti gli altri messaggi del giovedì sono gli stimoli per restare sulla via con la Madonna.

In questi giorni io voglio accennare ad una cosa: la pace. Ogni giorno, da cinquanta mesi, la Madonna prega per la pace coi veggenti e noi siamo tutti invitati alla pace.
I veggenti dicono: « pace, riconciliazione » e ripetono solo le parole che la nostra Madre dice di trasmetterci. E io credo di poter dire, secondo la mia esperienza qui a Medjugorje da quasi quaranta mesi, che tanti cuori se non tutti, che sono arrivati qua e hanno incominciato a pregare e a digiunare, hanno sentito questo richiamo, questo invito alla pace. Solo il Cielo e nessun altro in questo mondo può dire la parola della pace, invitarci alla pace, al livello dove possiamo credere che la pace è possibile. Seguendo tutto quello che succede da noi, mi sembra di poter dire che la linea spirituale, la linea della fede, ha accettato i messaggi, perché è messaggio anche del Vangelo ed ha accettato anche la prassi.

Dopo questo richiamo chi potrà dire: « Io ho aspettato ». Che cosa?
Vedete sono cinquanta mesi e mi sembra di poter dire che quanto dura più a lungo più sono sicuro che è un invito più forte per tutti noi. Secondo quello che noi vediamo da qui, in tutto il mondo si diffonde questo messaggio e la Madonna ha già trovato molti anche delle altre chiese, anglicani, protestanti, battisti.
Un pastore anglicano è stato qui per tre settimane e ha detto: « Io ho capito una cosa: la Madonna non domanda da me la conversione alla Chiesa Cattolica, ma domanda che io diventi migliore, perché anch'io ho il Vangelo ». L'anno scorso è venuto ancora e mi ha detto: « Tornato a casa ho cominciato a parlare con i miei amici e - si è domandato - come mai molta gente ascoltasse ad occhi aperti. Abbiamo fatto quasi trenta gruppi di preghiera, anglicani, battisti, protestanti, pentecostali. Alcuni membri in questi gruppi di preghiera, sono anche buddisti ed atei. Hanno detto che se una Madonna che si chiama Regina della Pace, ci invita a pregare, lo facevano anche loro ».

E questo è un grande miracolo per l'anglicano che mi ha detto: Padre, tu sai che la Madonna nelle nostre chiese non ha un grande posto, è stata quasi scacciata; ora ci invita e questo messaggio si diffonde ».

Guardando i messaggi del giovedì si può dire che la Madonna ci invita alla preghiera per avere la gioia più profonda, per risolvere le situazioni difficili, per superare la stanchezza.

Su questo punto possiamo proprio diventare egoisti; se tu preghi avrai la tua gioia, supererai la tua stanchezza, risolverai i tuoi problemi. Allora possiamo proprio diventare egoisti, ma se continuiamo a crescere nella pace, nella riconciliazione, nella forza spirituale, nell'amore, tutti avranno molto da noi, anche tutto il mondo.
Questo invito alla pace non si può aspettare dagli altri, si deve cominciare da se stessi e questa è un po' la via più difficile, perché è più facile invitare gli altri alla pazienza che essere pazienti personalmente, è più facile invitare gli altri al perdono che perdonare. Dobbiamo cominciare da noi. Se noi cristiani cominciamo radicalmente a vivere il messaggio del Vangelo che la Madonna ripete qui, il mondo sarà più vicino alla pace. E questo è molto importante: sentirci un po' responsabili per tutto quello che succede, anche se non siamo presidenti delle nazioni o degli stati, non importa; da noi tutti dipende la pace: dalla tua preghiera, dal tuo comportamento.

Ed ora qualche notizia di ieri:
...Ivanka non era presente all'apparizione, Jakov è a Sarajevo.
A Vicka, Marija e Ivan la Madonna è apparsa tre volte; una volta come di solito prima della Messa. Dopo sono andati alla collina, perché la Madonna appare al lunedì sera, solo per il loro gruppo. Marija mi ha detto oggi che è apparsa alle undici e mezza e anche a mezzanotte. Tutte e tre le volte ha ripetuto che dobbiamo essere proprio ripieni di gioia. Hanno detto che ha benedetto tutti in modo speciale.
Era piena di gioia a causa di molta gente che è venuta. In questi giorni la Madonna domandava ai veggenti alcune altre preghiere. Ha chiesto di pregare di più « fino al mio compleanno ».
Così vedete allora una presenza molto vicina, molto materna, amichevole. Per me non è più strano se vengono i veggenti e dicono:
« La Regina della Pace ha detto così... » è come uno che sta con noi e dice: « fate così o così ». Tutti quelli che vengono e cominciano a pregare sentono la Sua presenza, la Sua voce.

P. Slavko Barbaric - 6 agosto 1985

Nessun commento:

Posta un commento