Translate

venerdì 6 marzo 2015

6 marzo : Compleanno del veggente Jakov Colo

 Nato nel 1971 a Sarajevo, Jakov Colo ha avuto apparizioni quotidiane dal 1981; a partire dal 1998 vede la Madonna solo una volta l’anno, il 25 dicembre, giorno di Natale. Come lui stesso ricorda, a dieci anni non si pensa alle apparizioni: la sua famiglia non era molto ricca, in paese erano poche le notizie a circolare, la vita era semplice, avvolta in un rassicurante isolamento dal mondo esterno e lui, come tutti i ragazzini della sua età, pensava solo a stare con gli amici e a giocare, poco interessato alle faccende religiose e alla preghiera.

Ma vivere un’esperienza profonda e unica come l’apparizione della Madonna gli ha cambiato radicalmente l’esistenza. A un certo punto, l’unico pensiero veramente importante era la preghiera, recarsi alla Messa, salire sulla collina dove aveva avuto luogo la speciale apparizione, dove poteva quotidianamente rivivere quei momenti, acquisire una maggiore consapevolezza di sè, della propria fede e del dono ricevuto. Per Jakov, solo un bambino all’epoca dei fatti, la Madonna ha rappresentato
tutto: una mamma, un’amica e, soprattutto, una maestra. Ma non per questo egli si è mai sentito un privilegiato, perchè, come lui stesso ha detto in numerose interviste,  “la Madonna ci tratta tutti allo stesso modo perché siamo tutti suoi figli. È una vera mamma che ama tutti gli uomini e non fa differenze fra di loro”. Se si considera che Jakov, all’età di dodici anni ha perso la mamma e a tredici anche il papà, si può comprendere facilmente quale significato abbia assunto la presenza costante della Madonna nella sua vita.

Jakov ha spesso parlato anche delle sue paure e del senso di smarrimento provato quando la Madonna ha rivelato anche a lui, come a Mirjana e Ivanka, il decimo segreto. Sapeva, infatti, che da quel giorno sarebbero cessate le apparizioni quotidiane e avrebbe parzialmente perso quel contatto “speciale”, quella guida unica che lo aveva aiutato a non sentirsi solo, a non perdersi, a non vacillare nella sua fede e che gli aveva concesso il privilegio di vedere, insieme a Vicka, il Paradiso. Nel 1982, infatti, nel corso del secondo anno dall’inizio delle apparizioni, Jakov racconta di essere stato preso per mano dalla Madonna e di essere stato condotto a vedere il Paradiso, uno spazio infinito nel quale gli sembrò di percepire una grande moltitudine di persone vestite con lunghe tuniche bianche che pregavano e che cantavano con voci bellissime.
Oggi Jakov è un uomo adulto, è sposato e ha tre figli. Testimonia in tutto il mondo la fede e i messaggi della Madonna di Medjugorje: la missione che gli è stata affidata è la preghiera per i pellegrini e per i malati.

Nessun commento:

Posta un commento