Translate

lunedì 16 marzo 2015

Quando uno è malato, che cosa è meglio che faccia? (Risponde la veggente Vicka)

 Padre Livio: Senti, Vicka, una volta - erano le quattro di mattina - con te, Suor Elvira e un gruppo di suoi ragazzi abbiamo fatto una Via Crucis sul Krizevac. Fu un'esperienza straordinaria. E' stata certamente la Via Crucis più lunga della mia vita, essendo terminata a mezzogiorno. Ad ogni stazione tu facevi una preghiera spontanea e ti ho sentito pronunciare una bellissima invocazione che suonava così: "Grazie, Gesù, perché la croce è grazia! Grazie, Gesù, perché la croce è gioia!" Come ti sono uscite queste parole meravigliose dal cuore? 

Vicka: Ma sai... non che io sia... Ma è la Madonna che dice che quando Dio ci manda una sofferenza o una croce, questo è certamente un grande dono che Dio ci dà. La Madonna dice che Dio sa perché ci dà questo dono e Lui sa quando darlo e quando toglierlo. Noi possiamo solo ringraziare Dio e dirgli: "Ti ringrazio per questo dono, e se tu hai qualche altra sofferenza o croce da darmi, ecco che io sono pronta ad accoglierla. In questo momento ti chiedo solo la tua forza e il coraggio di andare avanti". La Madonna dice ancora: "Voi non sapete quanto valore ha la vostra sofferenza davanti a Dio!" 
 Padre Livio: Ora è chiaro da quale insegnamento venivano quelle parole che hai pronunciato durante la Via Crucis. Ma dimmi ancora una cosa: Quando uno è malato, che cosa è meglio che faccia? Chiedere la grazia della guarigione o quella della sopportazione?

  Vicka: Personalmente penso che è meglio chiedere la grazia della sopportazione. Anche la Madonna dice che è bene chiedere a Dio di concederci la grazia della guarigione o altre grazie di cui abbiamo bisogno, pregandolo attraverso di lei, che è nostra Madre. Infatti, tutti abbiamo qualche croce, o qualche necessità. Ma la Madonna è più contenta se noi preghiamo per le sue intenzioni, perché lei già sa ciò di cui abbiamo bisogno. Lei dice che conosce i cuori di tutti noi e sa già tutto quello che vogliamo chiederle, e lo concede al momento giusto. Noi dobbiamo pregare per le sue intenzioni e lasciare a lei, quando lo ritiene più opportuno, di intervenire presso Dio per i nostri bisogni. Padre Livio: Quindi è meglio pregare sempre per le intenzioni della Madonna? Vicka: Sì, è meglio pregare sempre per le sue intenzioni. Lei conosce già le nostre, e se noi preghiamo per le sue intenzioni, lei intercede per le nostre.
Fonte:http://it.medjugorje.altervista.org/doc/vicka//12-03081998.php

4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ho avuto un sogno dove Vicka mi parlo.Ce una possibilità di mandargli una lettera o email? Per me è molto importante ho problemi di salute. Qualcuno può aiutarmi.?Grazie mille.

    RispondiElimina
  3. Ave Maria,piena di grazia,il Signore e' con Te, Tu Sei benedetta fra le donne e benedetto è il Frutto del Tuo seno Gesù , Santa Maria madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso è nell'ora della nostra morte. Amen

    RispondiElimina
  4. Qst papa se è prediletto dalla Madonna cm fa a non riconoscere Lei? ?Altro che massone! ! Io credo che riconoscerà Medjugorje e la Regina della Pace, dirà di andarci a pregare e farà un mea-culpa e poi? ?

    RispondiElimina