Translate

sabato 8 aprile 2017

Sono tornata da Medjugorje con un cuore gonfio di gioia amore e speranza! Testimonianza

Mi e' stato chiesto di dare testimonianza di questa Mia nuova esperienza, continuo a pensarci ma non so proprio da dove iniziare.... Temo non essere ingrada questa volta! Non trovo le giuste parole,ho paura a descrivere, posso solo confermare che Medjugorje non si può raccontare ma si vive, perché la Madonna non si mostrerà alla luce degli occhi ma a quella del cuore, non perché non si voglia ma semplicemente perché non riuscirei a dar voce a quelle emozioni e le parole giuste non le troverei neppure sfogliando il dizionario ! Per la seconda volta in solo 4 mesi, mi ritrovo a mettere piede su quella terra benedetta dal Signore,avevo già avuto una magnifica esperienza ma avvertivo un senso di incompletezza, volevo una guida avevo bisogno di un percorso fede..... Fatto bene dove parole e gesti andassero di pari passo! Mi si è presentata l'occasione e farlo con don Ovidio per me è stata un occasione da non perdere non so se davvero sono stata io a decidere di andare ho semplicemente ho risposto a un invito IL SUO INVITO! Ho accettato e ne sono stata felice ..non avevo richieste da fare né la prima volta né tanto meno la seconda avevo solo un grande desiderio, il desiderio di lodare e ringraziare chi nelle mie avversità mi ha dato forza e sostegno di andare avanti col sorriso e la gioia! Ho portato con me tante intenzioni di amici parenti e sopratutto ho imparato a pregare per le persone che non mi sono tanto vicine,che per un motivo o l' altro si sono allontanate per dirla in breve RICAMBIA IL MALE Con il BENE! Al ritorno ero felice ma non entusiasta non so perché........mi mancava l'abbraccio materno, questa volta proprio non l' avevo ricevuto! Eppure Tutto e stato organizzato nel migliore dei modi, oltre a don Ovidio, il nostro pastore,colui il quale col suo carisma ha saputo badare al suo gregge,catturando l' attenzione di molti fedeli a lui sconosciuti.Il Signore ci ha posto a fianco un angelo,Mario, il nostro autista, lui ci soccorreva in ogni circostanza mille le attenzioni, dal caffè tanto desiderato italiano all' assistenza di chi ne aveva bisogno..,non c' era interesse economico in tutto ciò che faceva.. c'era solo voglia di farci sentire sicuri. Per questo mi sento in dovere di ringraziarlo!Fatto sta che al ritorno don ci ha concesso un altra sosta Lanciano..durante la celebrazione della messa io ho avuto bisogno di risposte allora ho chiesto ha Gesù di darmi dei segni... ho lanciato una sfida..."Gesù voglio sapere se davvero tu in questo oggi sei stato con me dimostramelo" .Pochi minuti d' attesa e il primo segno è arrivato ancora incredula, ne voglio un altra di prova,arriva la seconda è ne arriva una terza dov'è Gesù evidentemente ha voluto farmi capire che non è bastato nutrirmi solo col suo corpo in qst gg lui ha voluto far scorrere il suo sangue nelle mie vene....facendomi bere direttamente dal suo calice. Ero in difficoltà non capivo cosa fare ero impreparata ... Qualcosa mi ha spinto a pensare ECCOMI GESÙ sono qua ai tuoi piedi presi il calice e quel sangue entro in me.....per chi è già stato a Medjugorje avrà sentito ripeterselo tante volte il vero pellegrinaggio iniziera nelle vostre case! Proprio così al ritorno tutto ha avuto inizio dopo L abbraccio con la famiglia ho avvertito il desiderio di rivivere quel viaggio prendo là reflex e giro le foto ad un certo punto mi sono ritrovata davanti ad una foto, non mi sembra vero mi riporta alla mattina dell apparizione dov'è incerta apro e riapro gli occhi poiché un riflesso si fa immagine, sento pulsare il cuore e gli occhi iniziano a brillare. Chiamo chi mi sta intorno e confermano la mia visone....una cosa è certa il portafoglio l' ho portato sgonfio ma in compenso ho riportato a casa un cuore gonfio di gioia amore e speranza! Madonnina tu solo sai dove mettere le tue mani confido in te e grazie ancora per la grazia di avermi riportata in quel posto dalle mille vibrazioni! Se ancora continuerai a chiamarmi saro felicissima di rivivere ancora momenti del genere.


Antonella Santoro

Nessun commento:

Posta un commento